Luogo d’incontro virtuale tra domanda e offerta di professionalità femminili

Donne nei board delle società pubbliche: 5 accordi per promuovere la banca dati delle professioniste

ProRetePA è promossa dal Dipartimento Pari opportunità in collaborazione con l’Ateneo

 Per valorizzare il ruolo della Banca dati delle professioniste in rete per le pubbliche amministrazioni (ProRetePA) sono stati sottoscritti cinque protocolli d’intesa con gli ordini professionali nazionali degli ingegneri, degli avvocati, dei dottori commercialisti ed esperti contabili, dei consulenti del lavoro, e con la Confederazione dei liberi professionisti (Confprofessioni). La Banca dati nasce dall’accordo tra il Dipartimento Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri e l’Università di Udine per favorire le pari opportunità per le donne nei ruoli decisionali, in sintonia con gli indirizzi dell’Unione europea.

 
I protocolli d’intesa impegnano le parti, nazionali e locali, a favorire la conformità alla normativa sull’equilibrio di genere (legge Golfo Mosca) negli organi di amministrazione e di controllo delle società controllate dalle Pubbliche amministrazioni ed enti pubblici attraverso lo strumento della banca dati ProRetePA.
 
La banca dati ProRetePA, realizzata grazie al co-finanziamento dei fondi strutturali europei, è il luogo d’incontro virtuale tra domanda e offerta di professionalità femminili. Uno strumento per favorire il rispetto della legge sulle quote di genere e a creare nuovi modelli di governance delle società pubbliche basati sul merito.
 
Per realizzare “ProRete PA” l’Università di Udine ha messo a disposizione un gruppo di lavoro, coordinato dalla direttrice del dipartimento di Scienze giuridiche, Marina Brollo, dotato di competenze, professionalità ed esperienze specifiche maturate anche con la “Banca dati dei talenti femminili” creata dall’Ateneo nel 2013.

Condividi

Stampa

Sullo stesso tema