Ricerca pubblicata sulla rivista scientifica internazionale “Plos One”

Tumori del cervello: scoperto uno dei meccanismi che indeboliscono il sistema immunitario

Studio congiunto dell’Ateneo e dell’Azienda ospedaliero universitaria di Udine

Uno dei meccanismi attraverso cui i tumori primari del sistema nervoso centrale sono in grado di eludere il sistema immunitario è stato scoperto da un gruppo di ricerca congiunto dell’Università e dell’Azienda ospedaliero universitaria “Santa Maria della Misericordia” di Udine. Lo studio ha messo in luce, in particolare, il ruolo dei monociti, i globuli bianche più grandi, nell’indebolimento del sistema immunitario e nella promozione della crescita tumorale. La scoperta apre nuove prospettive sulla possibilità di intervenire selettivamente con terapie specifiche sui monociti circolanti per ripristinare la corretta attività antitumorale delle cellule del sistema immunitario cerebrale. I risultati della ricerca sono stati pubblicati dalla rivista scientifica internazionale “Plos One”.

I ricercatori udinesi hanno dimostrato che gli esosomi, minuscole vescicole prodotte dalle cellule staminali tumorali, agiscono sui monociti, che a loro volta stimolano la produzione di molecole capaci di indebolire la risposta immunitaria e di promuovere la crescita tumorale. Attraverso questo sistema le cellule staminali tumorali comunicano con altre cellule del microambiente tumorale facilitando così la crescita della neoplasia.

I tumori cerebrali primari, cioè quelli che hanno origine nel cervello, ogni anno in Italia colpiscono 5 persone ogni centomila e causano il 2% di tutte le morti per cancro.

Lo studio, coordinato da Giorgia Gri, è stato condotto da un team multidisciplinare composto dal gruppo di ricerca di Anatomia patologica, diretto da Carla Di Loreto, del Dipartimento di Area medica dell’Ateneo, e dall’equipe del Dipartimento di Neurochirurgia, diretto da Miran Skrap, dell’Azienda ospedaliero universitaria. Oltre a Gri, Di Loreto e Skrap hanno contribuito allo studio Rossana Domenis, Daniela Cesselli, Barbara Toffoletto, Evgenia Bourkoula, Federica Caponnetto, Ivana Manini e Antonio Paolo Beltrami.

 
La ricerca rientra in un progetto di studio della biologia dei tumori del sistema nervoso centrale coordinato da Daniela Cesselli, e dal precedente direttore dell’Anatomia patologica Carlo Alberto Beltrami, che da diversi anni collaborano con il Dipartimento di Neurochirurgia dell’Azienda ospedaliero universitaria. «Questo collaborazione – spiega Giorgia Gri – dimostra che l’affiancamento alla pratica clinica di un laboratorio di ricerca permette di ottenere risultati incoraggianti per il futuro della lotta contro i tumori».

L’articolo scientifico che spiega la ricerca è intitolato “Systemic T Cells Immunosuppression of Glioma Stem Cell-Derived Exosomes Is Mediated by Monocytic Myeloid-Derived Suppressor Cells”.

Condividi

Stampa

Sullo stesso tema