Organizzata dai dipartimenti di Scienze agrarie e ambientali e Scienze degli alimenti

Agroalimentare e sostenibilità del pianeta: al via la scuola estiva internazionale

Dal 22 giugno al 3 luglio, con una trentina di studenti universitari tailandesi, svizzeri e italiani

Coinvolgere i giovani nel dibattito sulla sostenibilità agroalimentare per stimolare la ricerca di soluzioni innovative che salvaguardino il pianeta, le sue risorse e la salute delle popolazioni. È l’obiettivo della terza edizione della Summer school “Geography of food” organizzata dall’Università di Udine dal 22 giugno (alle 9) al 3 luglio, a palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann (via Gemona 92).Alla scuola estiva parteciperanno una trentina di studenti universitari thailandesi, svizzeri e italiani. Filo conduttore dell’iniziativa sarà la ricerca del contributo innovativo che la tradizione può fornire per governare in modo sostenibile e integrato, l’agricoltura, l’industria alimentare, il turismo e il territorio.

Si tratta di un progetto di didattica internazionale che prevede lo scambio di conoscenze e di competenze tra studenti, docenti ed esperti provenienti da diversi contesti geografici e socio-economici e la promozione della conoscenza della realtà territoriale del Friuli Venezia Giulia. Oltre alle lezioni d’aula e lavori di gruppo, sono previsti seminari e visite a realtà imprenditoriali regionali dell’agroalimentare. I risultati delle attività verranno presentati all’Expo-Milano 2015 il 2 e 3 luglio nello spazio dedicato al Friuli Venezia Giulia del padiglione Italia, e nei padiglioni della Svizzera, della Thailandia e in quello dell’Associazione mondiale degli agronomi.

La summer school, sostenuta da Regione Friuli Venezia Giulia e Stiftung Mercator Schweiz Foundation, nasce da una collaborazione pluriennale tra i dipartimenti di Scienze agrarie e ambientali e di Scienze degli alimenti dell’ateneo friulano, l’Università di scienze applicate di Zurigo (Svizzera) e quella di Khon Kaen in Tailandia. Le due precedenti scuole estive si erano svolte in Svizzera, nel 2013, e in Tailandia, nel 2014.

A inaugurare la scuola, lunedì 22 giugno, alle 9, nella sala del consiglio di palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann, saranno il rettore dell’ateneo friulano, Alberto Felice De Toni, e l’assessore regionale alle risorse agricole e forestali, Cristiano Shaurli. Le lezioni introduttive saranno tenute da Cinzia Scaffidi (Slow food Italia), Roberto Nardi (RO.NA sas) e Nicolò Tudorov (Ersa FVG).

«Il cuore dell’attività della summer school – spiegano le coordinatrici scientifiche, Ivana Bassi e Maurizia Sigura – è il lavoro di gruppo dove gli studenti assumeranno un ruolo attivo e propositivo nell’analisi delle problematiche dei sistemi agroalimentari e nella ricerca di soluzioni innovative e sostenibili. I gruppi analizzeranno, attraverso la chiave di lettura della sostenibilità, i diversi sistemi legati al vino, all’olio, ai prodotti lattiero caseari, al caffè e alle produzioni ortofrutticole, integrando le dimensioni ambientale, sociale, economica e di governance, e individuando possibili soluzioni alle criticità rilevate».

Sullo stesso tema

Mercoledì 20 Aprile

Giornata della Terra a Palazzolo dello Stella: l’Ateneo presente con il progetto pulchra

Venerdì 22 aprile, dalle 9, saranno presentati i risultati dei progetti ambientali di sei scuole superiori della regione

Mercoledì 22 Dicembre

Udine nel progetto “Life Seedforce” per salvare le piante autoctone italiane dall’estinzione

Finanziato dalla Commissione europea, punta alla tutela e propagazione di 29 specie particolarmente minacciate