Progetto di Ateneo di Udine, Ente Friuli nel Mondo, Regione Friuli Venezia Giulia

Dodici argentini e brasiliani di origini friulane al corso 'Valori identitari e imprenditorialità'

Apertura lunedì 12 giugno, alle 10, nella sala Florio di Palazzo Florio

L'incontro di apertura del corso

Sono 12 giovani argentini e brasiliani di origine friulana i partecipanti al corso di perfezionamento “Valori identitari e imprenditorialità” che l’Università di Udine inaugurerà lunedì 12 giugno, alle 10, nella sala Florio di Palazzo Florio a Udine (via Palladio 8, Udine). È la 14ª edizione del progetto formativo e scientifico sul ruolo della lingua italiana e friulana nelle comunità di corregionali in Argentina e in Brasile e sulla ricchezza e diversità plurilingue e culturale del Friuli Venezia Giulia. L’iniziativa è organizzata dal Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Ateneo con l’Ente Friuli nel mondo e la Regione Friuli Venezia Giulia.

«Obiettivo del corso – spiega la direttrice Raffaella Bombi, glottologa del Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale – è favorire e consolidare quell’impulso identitario che caratterizza le giovani generazioni di discendenti di emigrati italiani nel mondo a riattivare l’interesse verso l’Italia e il Friuli, sviluppando una cultura aperta all’innovazione per costruire quel bagaglio di competenze culturali spendibili al ritorno nel Paese di provenienza».

I protagonisti - Nella giornata inaugurale saranno naturalmente presenti i corsisti provenienti dal Brasile e dall’Argentina. Si tratta di Isidora Aita Lucio di Santa Maria, in Brasile, del Circolo Friulano de Santa Maria (ascendenti di Buia). Dall’Argentina invece arrivano: Adrian Patricio Gardella di La Plata, del Fogolar La Plata (ascendenti di Forgaria); Mariel Angeles Pitton Straface di Buenos Aires, della Sociedad Friulana Buenos Aires (ascendenti di Rivarotta); Loredana Tiussi di Jauregui – Pdo de Luján, del Fogolâr Furlan Zona Jauregui (ascendenti di Basaldella); Marina Laura Visintini di Colonia Caroya, del Centro Friulano Colonia Caroya (ascendenti di Gorizia); Rocío Antonela Muñoz di Avellaneda, del Centro Friulano Avellaneda (ascendenti di Cormons); Rocío Antonela Campos Ratti di Avellaneda, del Centro Friulano Avellaneda (ascendenti di Brazzano); María Candela Morzán di Reconquista, del Centro Friulano Avellaneda SF (ascendenti di Mossa); Emanuel Alcides Feresin di Reconquista, del Centro Friulano Avellaneda (ascendenti di Gemona/Gorizia); Natalia Cleva di Apostoles - Missiones, del Fogolâr Furlan di Apostoles (ascendenti di Pesariis/Moggio Udinese); Eric Elías Agustini di Avellaneda, del Centro Friulano Avellaneda (ascendenti di Aquileia/Cormons); Carolina Antonela Zaya di Jesus Maria – Cordoba, del Centro Friulano Colonia Caroya (ascendenti di Camino).

Gli interventi - Porteranno i saluti: il prorettore dell’Università di Udine, Andrea Cafarelli; l’assessore regionale alle autonomie locali, funzione pubblica, sicurezza e immigrazione, Pierpaolo Roberti; il presidente dell’Ente Friuli nel mondo, Loris Basso; per il Comune di Udine, Stefania Garlatti-Costa; la direttrice del Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Ateneo friulano, Linda Borean; la direttrice dell’Associazione piccole e medie industrie (Confapi) del Friuli Venezia Giulia, Lucia Piu; la presidente di Confcooperative Alpe Adria Udine, Paola Benini; il delegato dell’Accademia italiana della cucina – Udine, Massimo Percotto. Coordinerà i lavori, Raffaella Bombi.

Sullo stesso tema

Lunedì 12 Febbraio

Italiano nel mondo e lingue minoritarie dentro e fuori i confini nazionali

Il 15 e 16 febbraio, a Palazzo Florio, convegno internazionale del corso di perfezionamento “Valori identitari e imprenditorialità”

Mercoledì 8 Febbraio

Premiato a Berlino Gian Luca Gardini, docente di Storia delle relazioni internazionali

Per il contributo alla conoscenza e diffusione della politica estera argentina

Martedì 26 Agosto

Campagna per il diritto all’identità: l'Ateneo di Udine aderisce all’iniziativa delle Nonne de Plaza de Mayo

Per ritrovare i figli dei desaparecidos scomparsi negli anni della dittatura argentina