Organizzato dal Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale

Il lavoro attoriale e le professioni del cinema, convegno internazionale a Gorizia

Il 10 e 11 luglio al polo di Santa Chiara. Dalle trasformazioni derivanti dalle nuove tecnologie
alle norme contrattuali, alle tutele previdenziali

Quali sono le sfide principali per chi svolge il lavoro di attore e le professioni collegate – come casting director, talent agent e acting coach – in Italia e in altri Paesi? In che modo la tecnologia sta trasformando il modo in cui attori e attrici lavorano? Quali norme, contratti e tutele previdenziali caratterizzano la professione attoriale? Sono le domande alle quali cercherà di rispondere il convegno internazionale dell’Università di Udine che si terrà a Gorizia il 10 (dalle 9) e 11 luglio (dalle 9.30), nell’aula magna del polo di Santa Chiara (via Santa Chiara 1).

L’incontro, intitolato “Work and play: studying the labour of and around acting in contemporary european cinema”, è organizzato dal Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale.

Interverranno una trentina di relatori. In particolare, studiosi di università italiane, americane, francesi, inglesi e della Repubblica Ceca. Ma anche rappresentanti di tre associazioni: l’Unione nazionale interpreti teatro e audiovisivo (Unita); Amleta, il cui scopo è contrastare la disparità e la violenza di genere nel mondo dello spettacolo; “Women in film, television & media Italia” (Wiftmi), associazione nata negli Stati Uniti per promuovere l’equità di genere e combattere i pregiudizi nell’industria dell’audiovisivo e dei media.

«Il convegno – spiegano i coordinatori scientifici, Francesco Pitassio e Gloria Dagnino – intende esplorare il tema del lavoro attoriale e delle professioni ad esso legate in un’ottica internazionale mettendo a confronto le diverse realtà. Con un focus particolare sulle questioni contrattuali e previdenziali e anche con le questioni legate alle disparità e alle violenze di genere nel mondo dello spettacolo».

L’iniziativa conclude il Progetto di rilevante interesse nazionale (Prin), “F-Factor Forme dell’attorialità mediale contemporanea. Formazione, professionalizzazione, discorsi sociali in Italia (2000-2020)” e la continuazione del progetto europeo finanziato dalla Fondazione Volkswagen “AGE-C Ageing and gender in European cinema”. Entrambi sono partecipato dal Dipartimento dell’Ateneo friulano.

Sullo stesso tema

Mercoledì 19 Giugno

Ecovisioni, il cinema all'aperto dell'Università di Udine

Dal 20 giugno all’11 luglio, il giovedì alle 21, quattro proiezioni su temi ambientali

Sabato 11 Maggio

Generi di età. Età e gender nel cinema europeo contemporaneo

I mercoledì 15, 22 e 29 maggio e 5 giugno quattro proiezioni a ingresso libero

Lunedì 26 Giugno

"Ecovisioni", il cinema in terrazza

Dal 29 giugno al 20 luglio, ogni giovedì, alle 21, al polo scientifico dei Rizzi