Il rettore Pinton e il direttore Orsi hanno sottoscritto la convenzione a Udine

L'Ateneo friulano e l'Osservatorio Socialis firmano un accordo di collaborazione

L’obiettivo è realizzazione progetti in comune in materia di sviluppo sostenibile delle organizzazioni

Pinton e Orsi a palazzo Maseri (ph. Matilde Moretti)

Studio e realizzazione di attività di formazione, organizzazione convegni, workshop, eventi, attività di sperimentazione e ricerca, realizzazione di progetti comuni in materia di governance ambientale, sociale e aziendale e sviluppo sostenibile delle organizzazioni: sono gli obiettivi dell’accordo che l’Università di Udine e l’Osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione di Roma hanno firmato lunedì 30 maggio a Udine. L’accordo, firmato dal rettore dell’ateneo Roberto Pinton e dal direttore responsabile dell’Osservatorio Socialis e presidente di Errepi Comunicazione Roberto Orsi, ha una durata di cinque anni e prevede la realizzazione di singoli progetti specifici.

L’attività̀ dell’Osservatorio consiste principalmente nell’analizzare, promuovere e diffondere l’impegno sociale d’impresa e le attività ispirate allo sviluppo sostenibile e agli ESG delle aziende, delle associazioni, delle istituzioni, delle università, mettere a disposizione di tutti gli attori coinvolti strumenti e opportunità di integrazione e reciproca conoscenza, offrire un luogo di incontro per la crescita della responsabilità sociale, dove riconoscersi e farsi riconoscere, generare un punto di raccolta di notizie, studi, testimonianze, immagini, interviste e progetti per comprendere il fenomeno della CSR, patrocinare e offrire collaborazione a master, corsi di formazione, corsi di perfezionamento negli ambiti ESG, SDG’s e sviluppo sostenibile delle organizzazioni.

L’Università di Udine mette a disposizione le professionalità dell’ateneo in materia di valutazione d’impatto, bilanci sociali e di sostenibilità, indicatori, sistemi di valutazione e messa a sistema dello sviluppo sostenibile, promozione di studi sul territorio finalizzati alla realizzazione di attività di ricerca, formazione e crescita dei valori della responsabilità sociale in ottica Agenda 2030, valorizzazione delle conoscenze, competenze, professionalità e network da mettere in campo, stimolando anche la riflessione scientifica e professionale sui temi indicati, anche in un’ottica di Terza Missione.

«L’impegno delle aziende verso i principi dello sviluppo sostenibile – spiega Francesco Marangon, referente dell’accordo per il Dipartimento di scienze economiche e statistiche dell’Università di Udine – è da tempo al centro delle attività di ricerca e di formazione del nostro Ateneo. Da oltre un decennio, inoltre, sono state avviate esperienze di collaborazione con l’Osservatorio Socialis che oggi trovano un importante quadro di riferimento nel documento sottoscritto a Udine. Tra i diversi progetti già in cantiere per attuare gli impegni di collaborazione vi è un percorso di alta formazione, rivolto anche alle imprese, sui cosiddetti fattori ESG ossia ambientali, sociali e di governance centrali per misurare l’impegno di ogni organizzazione verso lo sviluppo sostenibile e gli Obiettivi dell’Agenda 2030».

“Il progetto con l’Università di Udine rappresenta un contributo allo sviluppo sostenibile e distintivo di tutte le organizzazioni del territorio - ha commentato Roberto Orsi, Direttore dell’Osservatorio Socialis -. Insieme offriremo alle imprese percorsi di sviluppo delle competenze e strumenti digitali di mappatura, misurazione d’impatto, benchmark, riconoscimento e posizionamento, indispensabili per interpretare la responsabilità sociale come leva di crescita”.

 

Sullo stesso tema

Sabato 4 Novembre

Resilienza a disastri e crisi: summit internazionale in Friuli per una visione comune dello sviluppo sostenibile

Il 6 e 7 novembre: Udine, Venzone, Gemona del Friuli, Palmanova. Progetto di Ince, Ateneo, Cism, finanziato dalla Regione

Mercoledì 30 Agosto

Mitigazione del cambiamento climatico: progetto europeo da 10 milioni di euro guidato dall’Ateneo

Wildcard studierà gli effetti della rinaturalizzazione di terreni agricoli e forestali sulla biodiversità e sul sequestro di carbonio su scala europea

Mercoledì 28 Giugno

Il progetto “zero waste e sostenibilità turistica” al “No Borders Music Festival”

Sabato 1º luglio, alle 12, ai Laghi di Fusine prima del concerto di Ziggy Alberts e Jack Johnson