Presente alla prima sessione, presso l'Aula 3 del Polo di Via Tomadini, il presidente dell’Ordine dei Medici

Medicina, a Udine i primi dieci dottori “abilitati” del Friuli Venezia Giulia

Discuteranno la tesi giovedì 23 luglio “battezzando” anche in regione l’avvio del nuovo sistema, come disposto dal decreto “Cura Italia”

Che l’emergenza Covid-19 lo abbia accelerato è un dato di fatto ma il cambiamento di un percorso ormai superato si auspicava da tempo. E così, giovedì 23 luglio, il Dipartimento di Area Medica-DAME dell’Università di Udine darà il via, in Friuli, al nuovo sistema nazionale abilitando, il giorno stesso della laurea, i primi 10 medici dell’era post COVID. Nessun tirocinio da intraprendere a discussione di tesi conclusa, perché anticipato all’ultimo anno del Corso di studi; nessun esame di Stato da sostenere sperando in una data non troppo lontana e con il rischio, una volta, di perdere dai tre mesi all’anno intero.

«Questo cambiamento, che comporta indubbi vantaggi, andava fatto da tempo – commenta con soddisfazione il Coordinatore del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia del DAME, Prof. Bruno Grassi sottolineando anche il ruolo fondamentale svolto dal Prof. Sergio Intini nel coordinamento dei tirocini pre-laurea – I primi dieci studenti che stanno per discutere la tesi potranno inoltre già sostenere l’esame di ammissione, in settembre, alle Scuole di Specializzazione così come il prossimo gruppo di neo-dottori che abiliteremo all’esercizio della professione di medico chirurgo subito dopo l’estate. Riusciremo, in questo modo, ad assicurare nuove risorse al Sistema Sanitario accelerando notevolmente le tempistiche dell’inserimento professionale».

Fondamentale l’apporto dell’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale e dell’Ordine dei Medici e Chirurghi OMCEO di Udine nella gestione ottimale della “macchina organizzativa” che ha richiesto notevoli sforzi congiunti a causa delle complicanze imposte dall’emergenza. «Sono onorato di presenziare a questo importante evento e di aver contribuito alla realizzazione dei tirocini pratici pre- laurea che hanno visto impegnati molti medici del territorio e della rete ospedaliera ai quali rivolgo il più caloroso e sincero ringraziamento per il tempo dedicato – spiega il Presidente OMCEO, dott. Maurizio Rocco evidenziando che la sessione del 23 rappresenta certamente l’inizio di un percorso virtuoso per la realizzazione di un giovane medico compiutamente formato nel sapere, nel saper fare e nel saper essere - In questo importante momento il mio pensiero va al mio predecessore, il dott. Luigi Conte, che aveva già gettato le basi per un disegno di laurea abilitante orientato proprio nel senso attualmente organizzato. Per il futuro auspico che la collaborazione tra Ordine e Dipartimento si rafforzi e che si possa giungere ad un ulteriore perfezionamento dei percorsi relativi alla parte pratica della professione di Medico».

Sullo stesso tema

Giovedì 29 Luglio

Tecniche dell’edilizia e del territorio, primi laureati del corso di studi triennale

Otto i neo dottori che hanno seguito due anni di lezioni e laboratori più uno di tirocinio. Attivato in sinergia con i Collegi dei geometri e geometri laureati e gli Ordini dei periti industriali

Venerdì 26 Febbraio

Marketing, organizzazione e gestione aziendale: prima laureata magistrale con doppio titolo

Michela Bearzi ha concluso il percorso di studi avviato nel 2018 dall’Ateneo friulano con la Carinthia University of Applied Science

Martedì 15 Dicembre

Primi laureati in Diritto per l’innovazione di imprese e pubbliche amministrazioni

Attuali e interdisciplinari le tesi discusse: dal tracciamento della Covid-19 alla riforma del Corpo forestale, dalla finanza delle Regioni speciali alle Smart cities