Nuovi prodotti dolciari e snack, pronti per il mercato

Ideati e realizzati da studenti di Scienze e tecnologie alimentari

“Gelato al cubo”, “Puàdding”, “Bayron’s” e “Le Cornucopie”: sono i nuovi prodotti dolciari e snack, caratterizzati da specifici connotati nutrizionali e comodità di consumo, potenzialmente pronti per essere lanciati sul mercato. Sono il risultato del lavoro svolto da 15 studenti del primo anno del corso di laurea magistrale in Scienze e tecnologie alimentari.

 
Gli studenti sono stati protagonisti di un progetto didattico sperimentale di trasferimento delle conoscenze sul piano applicato. I nuovi prodotti alimentari e il relativo piano di marketing che hanno realizzato sono stati presentati lo scorso giugno ai responsabili dei settori di ricerca e sviluppo e assicurazione della qualità di alcune fra le maggiori industrie alimentari nazionali e internazionali, quali Bofrost, Dr Schär, Kraft, Illy Caffè, Quality Food Group, Roncadin, a un esperto di comunicazione (Carter&Bennett), a un rappresentante di Friuli Innovazione e al Direttore generale dell’Ateneo friulano.
 
L’evento ha rappresentato il momento conclusivo di un progetto durato 2 mesi, che ha visto coinvolti gli studenti dei corsi di Principi di formulazione alimentare e di Economia e marketing, guidati dai docenti Monica Anese e Mario Gregori. Gli studenti sono: Andrea Felician, Andrea Papparotto, Anika Battistella, Elio Ricci, Fabiola Bortolin, Federica Sfiligoi, Francesca Trainotti, Francesco Scapin, Giulia Grion, Giulia Romano, Jessica Centa, Massimiliano Gerometta, Roberta Anoè, Sofia Melchior, Valentina Plesnizer.
 
Le fasi del lavoro sono state dapprima l’ideazione, poi la progettazione e, infine, la realizzazione in laboratorio dei nuovi prodotti. L’attività ha anche previsto la formulazione di un’idea di piano marketing. L’incontro conclusivo con il mondo produttivo ha chiuso l’obiettivo più ampio del progetto, ovvero la sperimentazione di nuove modalità di erogazione della didattica, volte a favorire il trasferimento delle conoscenze teoriche sul piano applicato, offrendo agli studenti la possibilità di sviluppare, al contempo, non soltanto competenze teoriche e professionali, ma anche abilità personali, quali le capacità comunicative e di lavorare in gruppo, che sono fondamentali nel mondo del lavoro.
 
I nuovi prodotti alimentari realizzati dagli studenti
La novità dei prodotti messi a punto dagli studenti dell’Università di Udine è quella di essere pensati per specifiche fasce di consumatori (adulti e bambini) e caratterizzati da particolari connotati nutrizionali, come ad esempio l’assenza di glutine e/o lattosio o la fortificazione con vitamine, e/o dalla elevata comodità di consumo.
 
“Gelato al cubo” è un pan di spagna ripieno di doppio strato di crema al cioccolato, priva di lattosio, e di gelatina alla fragola arricchita di vitamina C, ricoperto da uno strato di cioccolato croccante. “Puàdding” è un dolce al cucchiaio a base di latte e panna delattosati, con sfere di sciroppo zuccherino uniformemente distribuite nella massa di prodotto, contenenti un ripieno fluido aromatizzato e arricchito di vitamina C. I classici cioccolatini sono stati rivisitati nella versione “Bayron’s”, ovvero ripieni di biscotto al tè nero aromatizzato al bergamotto, e realizzati anche nelle versioni senza glutine e senza lattosio. Infine, “Le Cornucopie”, cannoli salati a base di farina integrale con ripieno cremoso di formaggio e speck.
 
 

Sullo stesso tema

Giovedì 19 Maggio

Agroalimentare: Sofia Melchior fra i 18 migliori Phd europei

Selezionata dalla Federazione europea di ingegneria chimica. Ha studiato lo sviluppo di interventi tecnologici capaci di migliorare le proprietà salutistiche degli alimenti

Venerdì 19 Marzo

Nasce “Labas”, nuovo laboratorio per le analisi sensoriali dei prodotti alimentari

Ulteriore tassello dell’Uniud Lab Village. Inaugurazione e tavola rotonda con alcune fra le più grandi aziende del settore alimentare

Lunedì 20 Luglio

“Premio Bonsembiante” a Stella Plazzotta per la tesi di dottorato sulla trasformazione degli scarti vegetali

Giudicato come miglior lavoro fra quelli prodotti nel 2018/19 in Atenei del Triveneto e valutato come «base per un’iniziativa industriale di settore, meritevole di investimenti produttivi»