120 studiosi a congresso da lunedì 5 a giovedì 8 giugno

Per quattro giorni i giovani archeologi del Vicino Oriente "invadono” Udine

Quinta tappa del convegno internazionale “Broadening Horizons 5” dopo Ghent, Lione, Barcellona e Torino

"Mondi a confronto" è il tema che fa da sfondo alla quinta edizione del Broadening Horizons 5”, convegno internazionale dedicato ai giovani archeologi che si terrà a Udine dal 5 all’8 giugno. Indirizzato soprattutto ai giovani ricercatori di archeologia del Vicino Oriente, del Levante e Mediterraneo Orientale, l’evento ospiterà più di 120 partecipanti fra relatori, relatori invitati e uditori e rappresenta l’ultima edizione di una serie di congressi che hanno avuto luogo in altre prestigiose università europee (Ghent, Lione, Barcellona e Torino). Il convegno è organizzato con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli e del Comune di Udine (Civici Musei).
 
L’apertura si terrà lunedì 5 giugno in mattinata, con la registrazione dei partecipanti nella sede di palazzo Garzolini-di Toppo Wassermann, mentre i lavori entreranno nel vivo a partire dalle 14 nel Salone del Parlamento del Castello. Tra i relatori, provenienti da Italia, Europa e Paesi extraeuropei, spiccano ospiti nazionali quali Marcella Frangipane (Università La Sapienza, Roma) e internazionali come Aren Maeir (Università di Bar Ilan a Ramat-Tel Aviv, Israele), John MacGinnis del British Museum di Londra e Hassan Ahmed Qasim della Direzione delle Antichità di Dohuk (Kurdistan iracheno). Le sei sessioni previste spaziano dal Medio Oriente al Mediterraneo e coprono temi di ricerca che coinvolgono l’archeologia classica, mediterranea e vicino orientale. Il programma del convegno, che si svolgerà in lingua inglese, può essere scaricato dal sito.
 
Come spiega Marco Iamoni, referente per l’Università di Udine del comitato organizzatore e docente di Archeologia del Levante e del Vicino Oriente, «il congresso ha lo scopo di riunire i numerosi ricercatori, all’inizio della loro carriera accademica, impegnati nello studio dell’archeologia di un’area fondamentale per la storia dell’umanità. Il Vicino Oriente rappresenta la “Culla della Civiltà” e l’Università di Udine è da anni in prima linea nella ricerca e tutela del suo patrimonio archeologico. Punto di forza dell’evento è proprio il suo nascere da giovani ricercatori udinesi per creare un momento di crescita e formazione, ma anche di scambio di conoscenze, con giovani archeologi provenienti da altri atenei nazionali e internazionali, molti dei quali attivi sul campo come membri di missioni archeologiche». Il convegno è organizzato dal Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale proprio su impulso dei giovani ricercatori coinvolti nella missione archeologica nel Kurdistan iracheno dell’Università di Udine.
 
Il tema scelto per questa edizione, “Mondi a Confronto”, coinvolge un ampio numero di discipline archeologiche e storico artistiche, anche non tradizionalmente legate all’archeologia del Vicino Oriente. I partecipanti indagheranno e approfondiranno tematiche nuove e multidisciplinari con lo scopo di promuovere lo scambio di idee e conoscenze tra i ricercatori che rappresentano il futuro dell’archeologia del Vicino Oriente. 

Sullo stesso tema

Venerdì 30 Settembre

L'Università di Udine alla seconda International Tourism Fair di Duhok

Ben due gli stand dedicati ai progetti archeologici condotti dall'Ateneo nel Kurdistan iracheno per promuovere il turismo culturale nella regione

Venerdì 10 Giugno

Undici argentini di origini friulane al corso “valori identitari e imprenditorialità”

Lunedì 13, alle 10, a Palazzo Florio, inaugurazione del percorso formativo su identità, lingua e cultura italiana e friulana, conoscenza culturale ed economica del territorio