Quando i consulenti portano il cambiamento

Incontro martedì 3 dicembre nell'aula C di in via Tomadini

Per cambiare il modo di lavorare in un’organizzazione non è sufficiente l’intuizione di un leader e nemmeno la convinta partecipazione delle persone coinvolte. Molto spesso, è la figura del consulente esterno a fare la differenza tra i progetti che rimangono incompiuti e quelli che migliorano l’approccio al lavoro delle persone e, di conseguenza, i risultati aziendali.

Muove da questa premessa l’incontro “How consultants make change happen”, aperto a tutti gli interessati, che si terrà martedì 3 dicembre alle ore 13.45 presso l’aula C della sede di Via Tomadini 30 dell’Università di Udine nell’ambito del corso di Leading Change (laurea magistrale in International Marketing Management & Organization).

Il processo di adozione delle metodologie di lean management nell’azienda Dialcos di Padova sarà l'occasione per mettere in luce la relazione tra l'imprenditore, Alberto Buchberger, e Andrea Bet, il consulente che ha supportato l'azienda durante il cambiamento di modello organizzativo.

Dialcos è l’azienda produttrice di Dialbrodo, il preparato granulare alternativa ai dadi da cucina in cubetti, presente sugli scaffali di tutti i supermercati. Recentemente, è entrata nel mercato della pasta senza glutine e ha lanciato innovative linee di prodotto. Questa strategia di crescita ha richiesto di coniugare innovazione ed efficienza attraverso l’adozione del lean management, la filosofia gestionale che premette di raggiungere la massima soddisfazione del cliente eliminando gli sprechi e rendendo fluidi i processi aziendali. Per questo radicale ripensamento dell’approccio gestionale è stata cruciale l’esperienza ventennale nel campo della consulenza direzionale di Andrea Bet e del suo team.

“Tanto i modelli teorici quanto le storie di successo danno grande rilevanza alla capacità di immaginare il futuro di imprenditori e manager. La figura del consulente rimane spesso sfumata, ma, in verità – commenta Daniel Pittino, docente del corso –  il fattore critico per la realizzazione del cambiamento è proprio un rapporto costruttivo tra imprenditore e consulente. A questo proposito, il percorso di carriera di Andrea Bet, che ha coperto numerose posizioni dirigenziali in multinazionali in Europa e nel Sud-Est asiatico prima di proporsi come libero professionista, può essere di grande ispirazione per i nostri studenti di International Marketing Management & Organization.”

Sullo stesso tema

Venerdì 11 Giugno

Nuovi scenari e prospettive della comunicazione in Italia

Il valore dell’approccio human to human

Venerdì 20 Novembre

Imprese Top 100 del Nord Est: nuovi talenti, sostenibilità e trasformazione digitale per la crescita futura

Dal palazzo Antonini Maseri il secondo appuntamento digitale “Costruire il Domani” di Fondazione Nord Est

Sabato 30 Maggio

Job Breakfast, successo per la prima edizione in forma digitale: 1186 colloqui con le aziende

Le 11 aziende partecipanti si congratulano con l’ateneo friulano