Summer school ‘Geography of Food’ a Expo Milano 2015

Le proposte presentate dal nostro Ateneo

 Nell’ambito di Expo 2015 ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’ si è svolta la giornata conclusiva della Summer School Geography of Food 2015 – Tradition, Innovation and Sustainable Food Systems.

Venerdì 3 luglio, infatti, nel Padiglione dell’Associazione Internazionale degli Agronomi, gli studenti della Summer School hanno presentato i risultati dei loro Group work.
Presso lo stand del FVG hanno poi ricevuto dalla Presidente della Regione Debora Serracchiani i certificati di partecipazione.
 
La Summer school è un progetto di didattica internazionale che prevede lo scambio di conoscenze e di competenze tra studenti, docenti ed esperti provenienti da diversi contesti geografici e socio-economici (Tailandia, Svizzera e Italia). Il progetto, sostenuto da Regione Friuli Venezia Giulia e Stiftung Mercator Schweiz Foundation, è frutto di una collaborazione triennale tra i dipartimenti di Scienze agrarie e ambientali e di Scienze degli alimenti dell’ateneo friulano, l’Università di scienze applicate di Zurigo e quella di Khon Kaen in Tailandia. Per l’Università di Udine responsabili del progetto sono la dott.ssa Maurizia Sigura e la dott.ssa Ivana Bassi per i rispettivi dipartimenti di appartenenza.
 
Coinvolgere i giovani nel dibattito sulla sostenibilità agroalimentare per stimolare la ricerca di soluzioni innovative che salvaguardino il pianeta, le sue risorse e la salute delle popolazioni. È stato questo l’obiettivo della terza edizione della summer school organizzata dall’Università di Udine dal 22 giugno al 3 luglio.
Filo conduttore dell’edizione 2015 è stata, infatti, la ricerca del contributo innovativo che la tradizione può fornire per governare in modo sostenibile e integrato l’agricoltura, l’industria alimentare, il turismo e il territorio.
 
Oltre alle lezioni d’aula e ai lavori di gruppo, si sono svolti seminari e visite a realtà imprenditoriali dell’agroalimentare FVG. Tuttavia, core activity della Summer school sono stati i lavori di gruppo, che hanno dato la possibilità a una trentina di studenti universitari tailandesi, svizzeri e italiani divisi in 5 gruppi di analizzare la sostenibilità di alcuni sistemi agroalimentari (vino, olio, caffè, prodotti lattiero-caseari e ortofrutticoli) e di proporre soluzioni innovative ad alcune problematiche emergenti.
 
Queste le loro proposte presentate a Milano:
The Coffee Tracker: a cup of transparency
Un QR Code per migliorare la trasparenza e la sostenibilità del sistema produttivo del caffè
 
No Bloody Mario project
Un’idea per divulgare le condizioni di lavoro in agricoltura, soprattutto della manodopera proveniente da Paesi terzi
 
A walk through Friuli Venezia Giulia: an Extra Virgin Olive Oil adventure
“Mangia Bene e Vivi Sano con l’Olio Extra Vergine Friulano!” è lo slogan ideato per fare conoscere l’olio made in FVG
 
Organic Prosecco, Changing Perceptions
Soluzioni innovative per aumentare la conoscenza di questo prodotto: etichette sostenibili, informazione attraverso i social media e altro ancora
 
Cheese in Malga Food Systems
Promuovere il volontariato in malga, per coinvolgere i giovani, portare nuove conoscenze e abilità, e far conoscere i prodotti della montagna.

Sullo stesso tema

Giovedì 19 Maggio

Agroalimentare: Sofia Melchior fra i 18 migliori Phd europei

Selezionata dalla Federazione europea di ingegneria chimica. Ha studiato lo sviluppo di interventi tecnologici capaci di migliorare le proprietà salutistiche degli alimenti

Lunedì 30 Agosto

100 giovani studiosi alla 45ª Scuola estiva di glottologia e linguistica

Da mercoledì 1° a venerdì 3 settembre in modalità online