Turismo: primi laureati che hanno completato l’intero percorso offerto da Uniud

In sei hanno conseguito le lauree triennale in Scienze e tecniche del turismo culturale e magistrale in Gestione del turismo culturale e degli eventi

Sono sei i primi esperti di progettazione e promozione nel settore turistico, culturale e degli eventi laureati dall’Università di Udine. Jessica Colautti, Anahi D’Odorico, Elisabetta Gasparotto, Yin Liu, Mattia Tomasino e Debora Vio hanno completato l’intero percorso offerto in questo settore dal Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale, avendo conseguito la laurea triennale in Scienze e tecniche del turismo culturale e, giovedì scorso (19 settembre), anche la laurea magistrale in Gestione del turismo culturale e degli eventi, tutti con brillanti risultati. Tra essi, Yin Liu è la prima studentessa cinese ad aver conseguito nei termini regolari questo percorso di studi magistrale a Udine.

I sei neolaureati magistrali hanno discusso altrettante tesi dedicate a: Web marketing for disintermediation: strategies towards German and Australian tourism. The case of Hotel Villa del Mar, Bibione, relatore Enrico Marchetto (Jessica Colautti); Tempus est iocundum: analisi dell’evento e proposte per rivitalizzare l’Alto Friuli, relatore Salvatore Amaduzzi (Anahi D’Odorico); Gli eventi come strumento per la valorizzazione di un territorio: il caso del festival Sexto’Nplugged, relatrice Manuela Farinosi (Elisabetta Gasparotto); Vlog, un nuovo strumento per la promozione turistica, relatore Marco Rossitti (Yin Liu); Le story map come strumento di marketing turistico per le Guide Ambientali Escursionistiche, relatore Salvatore Amaduzzi (Mattia Tomasino); Analisi linguistica del manifesto turistico italiano dall’inizio del ‘900 ad oggi, relatore Francesco Costantini (Debora Vio).

«I lavori presentati – sottolinea Simonetta Minguzzi, coordinatrice del corso di laurea magistrale - sono tutti di ottima qualità e mettono in evidenza la professionalità le competenze raggiunte dai neo dottori magistrali attraverso la preparazione e l’interazione con i docenti del corso, una preparazione che ha consentito loro di declinare in modo autonomo e originale proposte interessanti da applicare al settore turistico culturale».

«L'Università di Udine e il Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale – ricorda il direttore del DIUM, Andrea Zannini - assolvono con questa laurea magistrale al compito di fornire giovani con una specializzazione superiore e anche pratica che possono dedicarsi al settore turistico in senso ampio, con una formazione specifica per la valorizzazione del patrimonio culturale».

Avviato nell’anno accademico 2017/18, il corso di laurea magistrale in Gestione del turismo culturale e degli eventi ha l’obiettivo di formare professionisti specializzati – tecnici, manager e funzionari - nel campo del turismo, con competenze integrate nel settore della valorizzazione del patrimonio culturale e della gestione dei sistemi turistici, capaci, inoltre, di utilizzare le nuove tecnologie multimediali come ausilio sia alla progettazione e organizzazione degli eventi culturali, sia alla gestione e promozione dei prodotti turistici. Il corso di laurea magistrale completa il percorso di laurea triennale in Scienze e tecniche del turismo culturale, attivo a Udine sin dall’anno accademico 2004/2005.

Sullo stesso tema

Lunedì 6 Giugno

Turismo e cultura: le ciclovie del Friuli Venezia Giulia, patrimonio da valorizzare

Giovedì 9 giugno, alle 18, alla Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli

Giovedì 3 Marzo

Inclusione e sviluppo di abilità comunicative, l’Università di Udine partner in un progetto Erasmus

Impegnata una unità di ricerca del Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale

Giovedì 29 Luglio

Tecniche dell’edilizia e del territorio, primi laureati del corso di studi triennale

Otto i neo dottori che hanno seguito due anni di lezioni e laboratori più uno di tirocinio. Attivato in sinergia con i Collegi dei geometri e geometri laureati e gli Ordini dei periti industriali