23° FilmForum Festival 2016

A Gorizia dal 9 al 15 marzo

 L’edizione di quest’anno del FilmForum Festival si articolerà in due diversi momenti, il primo dal 9 all’11 marzo e il secondo dall’11 al 15 marzo.

Una storia del cinema senza nomi” è il titolo del convegno internazionale che prosegue il progetto, nato nella scorsa edizione, di creare una nuova topografia degli elementi stilistici di base, sottolineandone l’interdipendenza e la necessità di integrazione e intersezione. Ospiti e protagonisti di questa sezione saranno Pierre Bayard, dell’Università di Parigi 8 - Vicennes-St Denis e Maurizio Ferraris, dell’Università degli studi di Torino.
 
La seconda parte, dedicata alla Spring School, si incentrerà sul tema “Bodifications: mapping the body in media culture” che investigherà il ruolo ricoperto dai media nella (ri)definizione e trasformazione del corpo e della sua percezione a livello culturale. Il corpo, non più antitesi della mente, è veicolo della percezione, mezzo attraverso il quale l’uomo può “avere” un mondo, ma anche oggetto obsoleto le cui capacità vanno superate e “progetto politico” attraverso il quale definirsi e trovare il proprio posto nel mondo. Diverse personalità di fama internazionale saranno ospiti di questa seconda sezione.
 
Il festival è organizzato dall’Università degli studi di Udine, in collaborazione con l’Associazione Culturale LENT, l’Associazione Culturale Maié, la Mediateca.GO “Ugo Casiraghi” in partnership con diversi atenei internazionali.

Sullo stesso tema

Lunedì 21 Marzo

Divismo italiano e storia culturale

Collaborazione tra il dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale e la University of Texas

Lunedì 28 Febbraio

Riconoscimento internazionale per Scienze del patrimonio audiovisivo e dell’educazione ai media

Il corso di laurea magistrale segnalato, unico in Italia e fra i sette nel mondo, dalla Federazione internazionale degli archivi cinematografici

Venerdì 3 Dicembre

Letteratura e cinema. Stefan Zweig e la novella degli scacchi

Presentazione di Arturo Larcati di uno degli autori più tradotti e apprezzati della letteratura austriaca