Appuntamento del ciclo “Un patto per lo sviluppo del territorio”

Cybersecurity quotidiana, incontro a Gemona del Friuli

Martedì 26 aprile, alle 9, all’Isis “D’Aronco”

Si parlerà di “Cybersecurity quotidiana” nell’appuntamento organizzato dall’Università di Udine martedì 26 aprile, alle 9, nell’aula magna dell’Isis “D’Aronco” a Gemona del Friuli. Interverrà il professor Pier Luca Montessoro, ordinario di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’Ateneo friulano. La conferenza sarà trasmessa anche in streaming.

«Le tecnologie che la maggior parte delle persone utilizza ogni giorno – spiega Montessoro –, come, ad esempio, smartphone, tablet e smart tv, sono dispositivi che, se usati senza le dovute precauzioni, possono diventare pericolosi per noi e per gli altri, anche nelle nostre attività quotidiane. L’incontro fornirà gli elementi per adottare buone pratiche di comportamento per un uso consapevole delle tecnologie. Un manuale di sopravvivenza nel mondo digitale presente e futuro». 

I lavori saranno aperti dal rappresentante dell’amministrazione comunale; dalla delegata dell’Università di Udine al Public engagement, Elisabetta Scarton, e dal dirigente degli Isis “Magrini Marchetti” e “D’Aronco” di Gemona del Friuli, Marco Tommasi. 

La conferenza rientra nel ciclo di incontri “Un patto per lo sviluppo del territorio”, giunto alla seconda edizione, promosso dall’Università di Udine con il sostegno della Fondazione Friuli. Obiettivo del ciclo di conferenze è stimolare la collaborazione tra cittadini e istituzioni per uno sviluppo sostenibile, consapevole, condiviso del territorio.

Sullo stesso tema

Lunedì 20 Giugno

Il ciclo idrico dell’acqua, conferenza a Gemona del Friuli

Giovedì 23 giugno, alle 18, alla Comunità di montagna del gemonese

Lunedì 13 Giugno

Secondo posto per l’Università di Udine a Enactus Italia, gara fra idee imprenditoriali sociali e sostenibili

Gli studenti dell’Ateneo hanno partecipato con i progetti Convert e Innovalgae che mirano a ridurre l’anidride carbonica prodotta dai processi industriali