Giuseppe Morandini confermato alla presidenza della Fondazione Friuli per il quadriennio 2021-25

Rinnovato il Consiglio di amministrazione ed elette le cariche

La Fondazione Friuli ha rinnovato il proprio Consiglio di amministrazione per il quadriennio 2021-25. Vi fanno parte il presidente uscente Giuseppe Morandini, l’avvocato pordenonese Bruno Malattia, il docente dell’Università di Udine Guido Nassimbeni, il cardiologo Francesco Antonini Canterin, l’esperta di marketing turistico Diana Candusso, la commercialista Michela Colin, la docente di storia dell’arte Francesca Venuto.

Il Consiglio di amministrazione ha poi quindi proceduto con l’elezione delle cariche. Giuseppe Morandini è stato confermato alla presidenza, mentre come vicepresidenti sono stati indicati Bruno Malattia e Guido Nassimbeni.

Contestualmente è stato rinnovato anche il collegio sindacale, ora composto da Andrea Cainero, nel ruolo di presidente, Giuseppe Gregoris e Raffaella Rizza. Supplenti sono Stefano Biasutti e Barbara Sette.

Nel suo intervento di ringraziamento per la confermata fiducia, Morandini ha espresso «estrema gratitudine ai consiglieri uscenti per l’intenso lavoro svolto con passione e professionalità» e ha augurato «buon lavoro al nuovo Cda, in vista di un anno cruciale per la comunità friulana, che dovrà affrontare una fase decisiva per la ricostruzione sociale, economica e culturale del territorio».

Sullo stesso tema

Giovedì 5 Maggio

Fragilità negli anziani e invecchiamento attivo, robotica collaborativa, ruolo dei composti bioattivi della mela

I risultati di tre progetti interdisciplinari finanziati dalla Fondazione Friuli

Mercoledì 4 Maggio

Ricerca e territorio, sinergia Ateneo–Fondazione Friuli: invecchiamento attivo, agroalimentare, robotica collaborativa

I risultati di 3 progetti interdisciplinari finanziati dalla Fondazione: il 5 maggio, alle 15.30, a palazzo di Toppo Wassermann

Lunedì 6 Dicembre

Fondazione Friuli compie 30 anni e presenta due interventi di rigenerazione urbana

Per celebrare l’anniversario della sua costituzione, illustrate le azioni concrete, utili e durature in corso di realizzazione a Udine e a Pordenone