Il futuro della convivenza europea: un’analisi attraverso le letterature centro-orientali

Venerdì 19 novembre nella sala Gusmani di palazzo Antonini

Si parlerà di “Incontri di culture. Identità transnazionali nell’Europa centro-orientalevenerdì 19 novembre alle ore 14 nella sala Gusmani di palazzo Antonini, in via Petracco 8 a Udine. L’appuntamento è organizzato dai Dipartimenti di Studi umanistici e del patrimonio culturale (DIUM) e di Lingue e letterature, comunicazione, formazione e società (DILL) dell’Università di Udine, dall’Accademia d’Ungheria di Roma e dalla Hungarian Presidency of the Visegrad Group (V4). L’ingresso è consentito con green pass fino a esaurimento dei posti disponibili. Per ogni informazione è possibile scrivere a paolo.driussi@uniud.it.

Dopo i saluti, Magdalena Rouguska-Németh, dell’Università di Varsavia, e Krisztián Benyovszky, dell’Università di Nitra, terranno due interventi rispettivamente intitolati Scrittori transculturali di origine ungherese e polacca. Un nuovo capitolo nella storia della letteratura ungherese e polacca? e Una finestra sulla comparatistica centro-europea: variazioni della Metamorfosi di Kafka nella letteratura ungherese, slovacca e ceca.

«Durante l’incontro – anticipano gli organizzatori Alexandra Foresto, del DILL, e Paolo Driussi, del DIUM – si parlerà di identità e multiculturalità, rivolgendoci a ciò che è stato l’Impero asburgico e oltre i nazionalismi che lo hanno smembrato, per guardare al futuro della convivenza europea con gli occhi dei letterati».

Sullo stesso tema

Venerdì 10 Giugno

Undici argentini di origini friulane al corso “valori identitari e imprenditorialità”

Lunedì 13, alle 10, a Palazzo Florio, inaugurazione del percorso formativo su identità, lingua e cultura italiana e friulana, conoscenza culturale ed economica del territorio

Giovedì 9 Giugno

Vent’anni di Scienze dell’architettura a Udine: summer school dedicata a Palladio

Il 13 e 14 giugno focus con studiosi internazionali sulle nuove frontiere dell’architettura tra digitalizzazione, realtà virtuale e aumentata. Quest’anno il corso ha aumentato gli immatricolati del 36%