Evento dell’Associazione biblioteca austriaca, Dill, Forum austriaco di cultura

Le lingue di Gregor von Rezzori, l’ultimo esponente del “mondo di ieri”

Conferenza sull’intellettuale austriaco il 13 dicembre, alle 17.45, a Palazzo Antonini

Gregor von Rezzori (foto di Paolo Trucchi)

“Dalla Bucovina al Valdarno, passando per Vienna. Gregor von Rezzori tra le lingue”. È il titolo della conferenza che Andrea Landolfi, germanista dell’Università di Siena, terrà all’Università di Udine martedì 13 dicembre, alle 17.45, nell’aula 5 di Palazzo Antonini (via Petracco 8, Udine). Protagonista dell’incontro è l’intellettuale austriaco von Rezzori (1914-1998), personalità artistica eclettica e poliedrica: romanziere, giornalista, artista, collezionista d’arte, autore radiofonico, sceneggiatore e attore cinematografico. L’evento sarà trasmesso anche in streaming. L’appuntamento è organizzato dall’Associazione biblioteca austriaca in collaborazione con il dipartimento di Lingue e letterature, comunicazione, formazione e società (Dill) dell’Ateneo friulano e il Forum austriaco di cultura di Milano.

«La conferenza – anticipa Landolfi – si concentrerà sul rapporto dell’autore con le proprie origini, vissuto all’insegna di una naturale e insieme meditatissima apertura vòlta a salvare, ma anche a “rifunzionalizzare” e integrare nel presente, un patrimonio linguistico e culturale vastissimo». In particolare, Landolfi illustrerà, attingendo tanto all’opera narrativa e saggistica dell'autore, quanto a ricordi e testimonianze di prima mano, questa modalità del suo pensiero, che si esprime plasticamente nell’uso sempre originale e creativo della lingua e delle lingue.

Gregor von Rezzori - Nato da una famiglia di origini siciliane a Czernowitz, capoluogo della Bukowina (odierna Ucraina, all’epoca parte dell’impero austro-ungarico), trasferitosi nel periodo universitario a Vienna, negli anni Trenta a Bucarest per svolgere il servizio militare con l’esercito rumeno e in seguito a Berlino, nelle Storie di Maghrebinia la raccolta di racconti che lo porta al successo, Rezzori rievoca in chiave immaginaria e ironica l’atmosfera culturale di questi luoghi che hanno segnato la sua infanzia e giovinezza. «Per le sue attente e argute narrazioni di questo mondo in declino – spiega il coordinatore dell’incontro, Simone Costagli, docente di letteratura tedesca all’Università di Udine – , nelle sue diverse sfaccettature che sfociano spesso nel satirico e paradossale, così ad esempio La morte di mio fratello Abele, è stato definito da Claudio Magris, nelle ultime pagine del Mito absburgico, l’ultimo esponente del “mondo di ieri”».

Infatti, sottolinea Costagli, «proprio grazie a questa “consacrazione” l’artista ha goduto in Italia, dove ha vissuto stabilmente negli ultimi trent’anni della sua vita, quella considerazione che l’Austria e la Germania gli hanno sempre negato». A dimostrazione di ciò il premio letterario che porta il suo nome istituito dal 2007 dalla città di Firenze, del quale sono stati insigniti celebri scrittori tra i quali il libico Hisham Matar (Nessuno al mondo, 2007), la statunitense di origine indiana Jhumpa Lahiri (Una nuova terra, 2009) e la francese Annie Ernaux (Una donna, 2019).

Andrea Landolfi è docente di Letteratura tedesca e Traduzione letteraria all'Università di Siena, dove dirige anche il master in “Traduzione letteraria e editing dei testi antichi e moderni”. Ha studiato e tradotto, tra gli altri, Goethe, Schopenhauer, Büchner, Platen, Hofmannsthal, Thomas Mann, Musil, Rezzori, Kappacher. Ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali il “Premio Prezzolini per la traduzione” (1996), il “Premio Città di Biella per la traduzione poetica” (2018), “Übersetzungsprämie” della Repubblica Austriaca (2016) e il “Premio per la traduzione” del Ministero dei Beni Culturali (2019). Fa parte della giuria del “Premio Gregor von Rezzori – Città di Firenze” sin dalla sua fondazione ed è membro corrispondente della Bayerische Akademie der Schönen Künste. Di Rezzori ha tradotto per Guanda Tracce nella neve (2002), l’autobiografia Sulle mie tracce (2007) e L’attesa è magnifica (2010) e per Bompiani La morte di mio fratello Abele (2014) e Caino. L’ultimo manoscritto (2016). Sullo stesso autore ha pubblicato inoltre i volumi Memoria e disincanto. Attraverso la vita e l’opera di Gregor von Rezzori (Quodlibet 2006) e Rezzoriana. Saggi e note su Gregor von Rezzori (Artemide 2017).

Sullo stesso tema

Mercoledì 30 Novembre

Incontro con lo scrittore Jurica Pavičić e la traduttrice Estera Miočić

Ospiti del Dipartimento di lingue e letterature, comunicazione formazione e società

Lunedì 28 Novembre

Franz Grillparzer e il teatro austriaco

Mercoledì 30 novembre, dalle 9, in Sala Florio di Palazzo Florio, incontro dedicato al Goethe d’Austria

Sabato 12 Novembre

Johann Nestroy, l’“Aristofane” del teatro popolare viennese

Conferenza martedì 15 novembre, alle 17.45, a Palazzo Antonini