L’atto firmato nello studio del notaio Comelli

Testamento Maseri: l'ateneo friulano accetta l'eredità

L’ex rettrice Cristiana Compagno nominata esecutrice testamentaria

Il professore Attilio Maseri, filantropo e cardiologo di fama internazionale recentemente scomparso all’età di 85 anni, ha decretato eredi universali del suo patrimonio di beni immobili e mobili per il 50% l’Università di Udine e per l’altro 50% le cardiologie di Trieste e Udine, rappresentate legalmente dalle Direzioni generali delle rispettive aziende ospedaliere-universitarie.

Giovedì 7 ottobre nello studio a Udine del notaio Pierluigi Comelli, il rettore dell’Università di Udine Roberto Pinton e di direttori delle Azienda ospedaliere universitarie di Udine e Trieste Denis Caporale e Antonio Poggiana hanno accettato l’eredità con beneficio di inventario. L’ultima volontà di Maseri è stata di raccomandare gli eredi di impiegare il suo lascito a favore di attività e progetti di ricerca, di assistenza e formazione dei giovani, istituendo anche borse di studio per i più meritevoli.

Il professore, in assenza di Enrico Coccolo, suo storico amministratore, nello stesso testamento, ha nominato l’ex rettrice Cristiana Compagno esecutrice testamentaria. “Sono molto onorata della fiducia che il professor Attilio Maseri ha voluto riporre in me – sottolinea Compagno -. Il mio compito, in qualità di esecutore testamentario, sarà quello di curare la piena attuazione delle ultime volontà del professore. Anche con questo ultimo atto, Maseri ha dimostrato il suo animo umanista e filantropico e la sua grande attenzione ai giovani, alla ricerca, all’alta formazione. La nostra gratitudine dovrà ora dimostrarsi con le azioni, quelle stesse che avrebbe voluto il professore Maseri”.

Nel 2013 Maseri aveva fatto dono all’Università di Udine della Biblioteca Florio, un patrimonio da 12 mila libri, mentre nel 2018 aveva donato il prestigioso palladiano Palazzo Antonini, oggi sede centrale dell’ateneo. “Straordinario uomo di scienza e mecenate – evidenzia Pinton – siamo grati e onorati per tutto quello che il professore ha fatto per il nostro ateneo. Impiegheremo tutte le nostre migliori energie per attuare le volontà di Maseri e dimostrarci degni della fiducia che ha concesso alla nostra istituzione”.

Gratitudine al professor Maseri anche da parte della Regione. “A nome delle due aziende ospedaliero universitarie e dell’intera comunità regionale – sottolinea l’assessore Riccardo Riccardi – esprimo la più profonda stima e un grande ringraziamento al sostegno che il professore ha voluto dare alla ricerca e all’assistenza del Friuli Venezia Giulia. Il gesto di grande altruismo dimostrato permetterà di rafforzare il nostro sistema sanitario con vantaggi per l'intera collettività”.

Condividi

Stampa