Nuove tecnologie sviluppate e proposte di formazione per i professionisti della maricoltura

Presentate alla fiera di Aquafarm 2020 dall'Università di Udine, Lead Partner del progetto AdriAquaNet, insieme ai partner

Il 19 e 20 febbraio scorsi si è svolta a Pordenone la IV edizione di AQUAFARM, la principale fiera internazionale per il settore aziendale dell'acquacoltura in Italia che offre l'opportunità di incontrare gli attori più dinamici e innovativi del settore sia a livello nazionale che quello europeo.  L’edizione di quest’anno ha coinvolto 120 espositori (oltre un terzo di provenienza estera), su quasi 3.000 metri quadrati di superficie espositiva e ha visto un incremento del 15% di visitatori di cui un incremento di 25% dei visitatori di provenienza estera da 43 diversi Paesi del mondo.

Il progetto AdriAquaNet nasce dalla collaborazione tra imprese, allevamenti e centri di ricerca allo scopo di migliorare la competitività e la sostenibilità ambientale della maricoltura italiana e croata. Grazie al vivace lavoro dei ricercatori, alla condivisione di intenti tra i diversi partner e ai suggerimenti che arrivano direttamente dal mondo della produzione, dopo un anno di attività il progetto sta portando già i primi risultati positivi che sono stati presentati dal prof. Marco Galeotti e dal prof. Emilio Tibaldi del dipartimento Di4A nella sessione “EuroAquaculture” dedicata ai progetti europei.

Poiché il progetto si rivolge direttamente ai produttori e agli allevatori di maricoltura, i nostri ricercatori e i partner  hanno incontrato  le aziende e il pubblico di persona presso lo stand AdriAquaNet allestito in fiera presso il padiglione 5 per raccontare lo stato dell’arte delle ricerche, mettendo a disposizione anche i materiali con le proposte di training formativi che verranno organizzati quest’anno in diversi luoghi in Italia e in Croazia e raccogliendo pareri e suggerimenti di tutti coloro che vorranno portare il loro contributo al progetto.

I training sono gratuiti e rivolti a operatori del settore, allevatori, tecnici dell’alimentazione, medici veterinari e altre categorie di interesse. Il primo corso si svolgerà in Puglia a Fasano (BR) a maggio e per tutti i corsi che riguardano gli aspetti veterinari sarà previsto l’accreditamento ECM. I seminari saranno focalizzati sulle tre principali tematiche - nutrizione, sanità e produzione dell’allevamento in maricoltura – in relazione ai risultati ottenuti durante i 30 mesi progettuali, unitamente alle più recenti innovazioni della ricerca internazionale.

In collaborazione con API , verranno forniti dettagli sugli argomenti di formazione. Soprattutto, saranno raccolte le esigenze di conoscenza e formazione dei professionisti, al fine di progettare eventi di formazione su misura per le questioni più urgenti dell'acquacoltura oggi.

Il progetto affronta tre principali obiettivi:

  • THE FISH FARM: migliorare la gestione degli allevamenti ittici, introducendo innovazioni tecnologiche nella nutrizione dei pesci e nella gestione dei reflui.
  • THE FISH DOCTOR: rafforzare la resistenza naturale dei pesci contro le malattie infettive mediante nuovi vaccini, probiotici e biofarmaci di derivazione naturale. Un attento monitoraggio del benessere dei pesci è strategico per prevenire le possibili malattie.
  • THE FISH MARKET: testare gli effetti della migliore gestione degli allevamenti ittici e dei trattamenti per la salute dei pesci sulla qualità dei prodotti alimentari, creazione di nuovi prototipi di prodotti commerciali e valutazione della percezione e delle scelte dei consumatori di prodotti alimentari a base di pesce.

Condividi

Stampa