Finanziato dai National Institutes of Health

Cancro e invecchiamento: 275 mila dollari per progetto di ricerca Usa-Udine

In due anni, potrà fare luce sulle cause molecolari all’origine dei tumori e sui processi di invecchiamento cellulare

È stato finanziato per 275 mila dollari dai National Institutes of Health (NIH), durerà due anni e ha come obiettivo l’individuazione dei meccanismi che possono innescare modifiche nel DNA, causando patologie come il cancro, e che giocano un ruolo fondamentale nell’invecchiamento cellulare. Si tratta del progetto “L’asse Apel1/NPM1 nei meccanismi di mantenimento dei telomeri”, proposto dall’Università di Stony Brook di New York e che vede come partner principale l’Università di Udine, finanziato dagli Istituti nazionali di sanità statunitensi nella classe R21, ossia come studio del tutto innovativo ed esplorativo ad elevato rischio/impatto, in grado di portare un significativo aumento delle conoscenze alla ricerca nel campo della salute.

Il progetto è coordinato per la parte udinese da Gianluca Tell, docente di biologia molecolare del Dipartimento di scienze mediche e biologiche dell’ateneo friulano, e vi partecipa anche la Rockefeller University (New York). Con Tell, sono impegnati nel progetto i ricercatori del Laboratorio di biologia molecolare dell’Università friulana. La ricerca sarà sviluppata, in particolare, attraverso lo studio di particolari proteine coinvolte (NPM1 e Ape1), la cui interazione è stata scoperta due anni fa sempre nel Laboratorio di biologia molecolare dell’Università di Udine.

Il progetto inizierà nel dicembre del 2015 ed entro novembre 2017 i ricercatori sperano di poter arrivare a comprendere più nel dettaglio il meccanismo molecolare che regola la stabilità dei telomeri, ovvero di quelle strutture a cappuccio che, attraverso meccanismi molecolari specifici e ancora sconosciuti, preservano le estremità terminali dei cromosomi mantenendone intatti la struttura e l’informazione del DNA contenuto.

«I risultati che perseguiamo – spiega Gianluca Tell – potranno fare luce sui processi molecolari di invecchiamento cellulare e porteranno anche a importanti avanzamenti nella comprensione delle cause molecolari all’origine dei tumori». Ad oggi, infatti, i meccanismi in grado di correggere gli errori al DNA in queste specifiche regioni sono poco noti. I danni al DNA che si possono generare dall’instabilità dei telomeri «possono portare – dice Tell – alla fusione dei terminali dei cromosomi e allo sviluppo di patologie come, appunto, il cancro».

Inoltre, un accorciamento eccessivo dei telomeri definisce la cosiddetta senescenza cellulare. «Una tendenza spontanea – precisa Tell – che porta la maggior parte delle cellule dell’organismo umano a essere eliminate dopo un certo numero di cicli replicativi». Nell’uomo la sindrome di Werner, o invecchiamento precoce, per cui un individuo giovane ha l’aspetto di un anziano, «è legato proprio – ricorda Tell – a un’alterazione molecolare che causa l’instabilità telomerica portando a un accorciamento precoce di queste regioni di DNA e provocando una incapacità di alcuni tessuti, come la pelle o il tessuto emopoietico, di autorinnovarsi, tipica dell’invecchiamento umano».

Sullo stesso tema

Venerdì 25 Giugno

Cancro al colon: innovativo lavoro di ricerca del Dipartimento di Area Medica pubblicato su una prestigiosa rivista internazionale

Sviluppato con l’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale, finanziato da Regione e Fondazione Friuli

Giovedì 13 Maggio

Scoperto interruttore per “pensionare” le cellule anzitempo, evitandone la replicazione incontrollata, come accade nel cancro

Ricerca del gruppo di Biologia cellulare del DAME, sostenuta anche da Sarcoma Foundation of America

Giovedì 8 Aprile

Lotta contro il cancro: progetto di ricerca sostenuto da Fondazione AIRC con 99.800 euro per la prima annualità

Obiettivi: prevedere l’evoluzione della malattia e personalizzare i piani terapeutici massimizzandone l’efficacia, e creare un atlante delle modifiche epigenetiche