Calcoli avanzati ed esperimenti sul trasferimento di calore in ebollizione

Da Udine al MIT per studiare lo scambio termico

Al via "Aida", progetto dell’Ateneo con il Massachusetts Institute of Technology

Migliorare la comprensione dei fattori che influenzano lo scambio termico durante fenomeni di ebollizione ed evaporazione: è l'obiettivo del progetto AIDA (acronimo di Advanced computations anD experiments on boiling heAt transfer), al via in collaborazione tra l'Università di Udine e il Massachusetts Institute of Technology (MIT, con sede a Cambridge, presso Boston). In partenza ufficialmente a maggio, AIDA è finanziato da risorse del programma MISTI GSF (MIT International Science and Technology Initiatives - Global Seed Funds), iniziativa che supporta la cooperazione tra docenti e ricercatori dell'ateneo statunitense e le loro controparti all'estero.

Il progetto durerà 20 mesi e si baserà sulla comparazione e integrazione dei risultati ottenuti da strumenti innovativi di simulazione e avanzati sistemi per la misura della temperatura e del flusso termico. Il team di ricerca, composto da Alfredo Soldati e Alessio Roccon dell'Università di Udine e da Matteo Bucci del MIT, si avvarrà sia delle infrastrutture computazionali di cui è dotato il laboratorio di fluidodinamica dell’Ateneo che di quelle sperimentali del Massachusetts Institute of Technology.

«Lo scambio termico in flussi turbolenti multifase – spiega il coordinatore del progetto Alessio Roccon – ha un ruolo fondamentale in numerosi processi industriali, dall'industria energetica al raffreddamento di componenti elettroniche. La sua valutazione avviene quasi sempre sfruttando strumenti o di calcolo numerico o di misura sperimentale. Il mancato uso sinergico impedisce una comprensione soddisfacente della fisica che governa lo scambio e limita le nostre capacità di migliorare l'efficienza del processo. Il progetto AIDA – continua Roccon – punta a superare questi limiti, combinando le informazioni ottenibili da esperimenti e simulazioni per migliorare la predittività dello scambio termico in situazioni dove sono presenti fenomeni di ebollizione ed evaporazione».

Visualizzazione della dinamica di bolle di vapore durante il processo di ebollizione ottenuta da simulazioni

Sullo stesso tema

Lunedì 7 Agosto

Ricerca: 99 progetti di rilevante interesse nazionale finanziati dal Ministero dell’Università

Sono 29 quelli coordinati dall’Ateneo friulano

Venerdì 26 Maggio

Futuro della montagna, a Malborghetto convegno internazionale

Dall'8 al 10 giugno si parlerà di energia sostenibile, biodiversità, qualità della vita, nuove professioni, giovani e comunità