Dal 2011 in collaborazione con la Soprintendenza e il Comune di Palazzolo

Le ricerche di archeologia fluviale sullo Stella a Tg2 Dossier

Sabato 4 giugno, alle 23, su Rai 2, va in onda il progetto “Anaxum” dell’Università di Udine

Lorenzo Salin, Dario Innocenti, Massimo Capulli, la giornalista e l'operatore Rai, e Lucrezia Maghet

Sarà dedicato anche al progetto di archeologia subacquea “Anaxum” dell’Università di Udine, incentrato sulle ricerche nel fiume Stella, nella Bassa Friulana, la puntata della rubrica TG2 Dossier in onda su Rai 2 sabato 4 giugno, alle 23. Il servizio è curato da Laura Pintus.

Il progetto è condotto – in collaborazione con la Soprintendeza Archeologia, Belle arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia e il Comune di Palazzolo dello Stella – dal gruppo di ricerca interdisciplinare guidato da Massimo Capulli.

Partito nel 2011, “Anaxum” porta avanti campagne che hanno consentito lo studio del naufragio dell'imbarcazione romana Stella 1, delle strutture sommerse pertinenti al ponte della via Annia e del cosiddetto relitto di Precenicco. Ma non solo. L’ambiente offerto dallo Stella, infatti – per molti aspetti problematico e soprattutto caratterizzato da diverse tipologie di evidenze materiali –, si presta come banco di prova per l’elaborazione di tecniche utili da esportare anche in altri contesti fluviali e come laboratorio per formare nuovi archeologi subacquei.

La puntata potrà essere rivista in streaming sul sito RaiPlay.

Sullo stesso tema

Venerdì 10 Giugno

Undici argentini di origini friulane al corso “valori identitari e imprenditorialità”

Lunedì 13, alle 10, a Palazzo Florio, inaugurazione del percorso formativo su identità, lingua e cultura italiana e friulana, conoscenza culturale ed economica del territorio

Giovedì 9 Giugno

Vent’anni di Scienze dell’architettura a Udine: summer school dedicata a Palladio

Il 13 e 14 giugno focus con studiosi internazionali sulle nuove frontiere dell’architettura tra digitalizzazione, realtà virtuale e aumentata. Quest’anno il corso ha aumentato gli immatricolati del 36%