Mercoledì 11 maggio a Gorizia in collaborazione con Ordine e Assostampa Fvg

Il giornalismo e la rivoluzione digitale: quale presente, quale futuro?

Il workshop sarà anche l’occasione per la consegna dei riconoscimenti del Premio di laurea Piero Villotta

Mercoledì 11 maggio dalle 11 alle 13 nell’aula 3 di Santa Chiara a Gorizia si terrà il workshop e corso di formazione per giornalisti, dedicato dalla memoria di Piero Villotta dal titolo “Il giornalismo e la rivoluzione digitale: quale presente, quale futuro?”; organizzato dall’Università di Udine in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti Fvg e Asso Stampa Fvg.

Il workshop sarà anche occasione per la consegna dei riconoscimenti del Premio di laurea Piero Villotta, riservato ai laureati dei corsi in Relazioni Pubbliche e laurea magistrale in Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni. La vincitrice è Margherita Marchiol, laureata in Relazioni pubbliche, di Udine, con la tesi su “Brexit: birth and growth of a socio-political and media phenomenon”. Tre le menzioni speciali a Chiara Gazziero, laureata in Relazioni pubbliche, San Daniele del Friuli, per la tesi su “L’evoluzione dell’attività giornalistica: dalla tradizionale ricerca dei dati e analisi delle fonti allo sviluppo dell’intelligenza artificiale”, Thomas Rossetto, laureato in Relazioni pubbliche, di Ponzano Veneto (Treviso), per la tesi su “La propaganda mediatica e l’odio verso il nemico. Un’analisi dalla Seconda guerra mondiale alle rivolte in Libia” e Federica Vassallo, laureata in Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni, di Trieste, per la tesi su “La multimodalità e la multifunzionalità del podcast: ridefinizione di un genere discorsivo”. Sono state 27 le tesi presentate, di cui 19 di laurea triennale in Relazioni Pubbliche e 8 di laurea magistrale in Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni.

Dedicato alla memoria di Piero Villotta, storico volto del giornalismo e presidente per 12 anni dell’Ordine dei Giornalisti Fvg oltre che rappresentante del Consiglio nazionale, il workshop sarà l’occasione per una riflessione sulla moderna comunicazione, con particolare attenzione alle grandi trasformazioni che la rivoluzione digitale sta apportando al mondo dell’informazione e del giornalismo e all’analisi degli effetti di influenza sociale prodotti dall’informazione giornalistica. In particolare si discuterà della rivoluzione digitale che ha accompagnato il giornalismo negli ultimi anni, per capire quale strada ha intrapreso il mondo dell’informazione, dei nuovi media resi potenti dai social e dalla tecnologia, dei lettori disorientati da notizie difficili da verificare e di cosa resta del valore sociale, dell’indipendenza dell’informazione giornalistica.

Il workshop è rivolto agli studenti e studentesse del corso di laurea triennale in Relazioni pubbliche e laurea magistrale in Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni, oltre che ai giornalisti, operatori dell’informazione e della comunicazione pubblica. Interverranno il rettore Roberto Pinton, Cristiano Degano, presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Fvg, Adriana Ronco Villotta, giornalista e docente di Storia dell’arte, promotrice del Premio di Laurea Piero Villotta, Antonella Pocecco, coordinatrice del corso di laurea in Relazioni pubbliche e Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni dell’Università di Udine, Carlo Muscatello, presidente Assostampa Friuli Venezia Giulia. Modera l’evento Renata Kodilja, del corso di laurea in Relazioni pubbliche e Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni dell’Università di Udine. “Il mondo della comunicazione sta vivendo oggi grandi trasformazioni – sottolinea Cristiano Degano, presidente dell’Ordine di giornalisti Fvg - ed è proprio nell’attuale panorama dell’informazione, affidata sempre di più ai social e agli algoritmi, che risulta fondamentale il ruolo del giornalista. Ovvero di chi è professionalmente formato e aggiornato per redigere notizie affidabili, verificandone le fonti e accertandone la provenienza. Di chi è inoltre tenuto al rispetto di una deontologia professionale."

“Il mondo del giornalismo sta vivendo oggi da un lato una trasformazione nelle tecniche, canali e linguaggi e dall’altro una necessaria riflessione di ordine etico e deontologico, legata alla responsabilità dell’uso dell’informazione pubblica – evidenzia Renata Kodilja -. Siamo onorati del fatto che l’Ordine dei Giornalisti del FVG abbia voluto avviare questa riflessione con i nostri Corsi di Laurea. Riflessione che passa anche e soprattutto attraverso il dinamismo e partecipazione delle nostre studentesse e studenti, ben testimoniato dalla considerevole partecipazione al concorso per il premio di laurea intitolato alla memoria di Piero Villotta, voluto e promosso dall’Ordine e dalla famiglia Villotta.

Le relazioni centrali del workshop saranno affidate a Gianluca Amadori, giornalista de Il Gazzettino, componente il Comitato Esecutivo dell’Ordine nazionale dei giornalisti e già Presidente Ordine dei giornalisti del Veneto, che parlerà di come tutelare l’informazione giornalistica e a Roberto Reale, già vicedirettore della TGR Rai, del TG3 e di Rainews 24 e docente di linguaggio radiotelevisivo all’Università di Padova che relazionerà su “Comunicazione ed evoluzione dei media: quali effetti per l’informazione e per la democrazia?”. Sarà infine la volta della vincitrice e delle tre menzioni speciali del Premio Piero Villotta illustrare le tematiche delle rispettive tesi di laurea che hanno garantito loro i riconoscimenti. Il workshop si concluderà con la cerimonia di premiazione.

Sullo stesso tema

Venerdì 24 Dicembre

Veridicità e valore di una notizia pesati da un algoritmo

Progetto di ricerca per un sistema con intelligenza artificiale, avviato dall’Ateneo con l’agenzia di stampa Ti Lancio edita da Froogs

Lunedì 4 Ottobre

Premio di laurea “Piero Villotta”, I edizione 2021

Per tesi di laurea sui temi della comunicazione, con particolare riguardo al giornalismo e all’informazione

Martedì 3 Dicembre

Giornalismo: nuove sfide del mestiere

Tavola rotonda con esperti sui cambiamenti del settore e le nuove professionalità per orientarsi nel mondo dell’informazione