Organizzato dal Dipartimento di Area medica

Sanità e test rapidi, formati i primi 34 manager di laboratori di analisi di prossimità

Esperti che dovranno gestire i Point of care testing, “laboratori fuori dal laboratorio”, determinanti per ridurre tempi e costi delle decisioni cliniche

I partecipanti al master

L’Università di Udine ha formato i primi 34 esperti in Italia in direzione e coordinamento dei laboratori di analisi per test rapidi situati in prossimità o presso i punti di cura o di assistenza del paziente (Point of care testing – Poct), come ospedali, farmacie, cliniche. Grazie al master in “Management innovativo dei point of care testing” l’Ateneo ha infatti formato i primi tecnici di laboratorio biomedico e biologi, provenienti da 15 regioni italiane, che dovranno gestire e istruire il personale sanitario impiegato in questi “laboratori fuori dal laboratorio”. Inoltre, dovranno gestire i dispositivi utilizzati nei Point of care testing attraverso l’acquisizione e la conoscenza delle performance di queste apparecchiature. L’attività di questi centri per test rapidi può essere determinante per ridurre tempi e costi del processo decisionale clinico visto che il 70-80 per cento delle diagnosi è formulato sulla base dei risultati degli esami di laboratorio

I Poct - I dispositivi utilizzati nei Point of care testing offrono un rilevamento rapido di svariati marcatori clinici di laboratorio mediante campioni, come sangue periferico e urina, facilmente ottenibili e impiegando strumenti portatili. Con i Poct si punta a migliorare la qualità delle cure, minimizzando i rischi, a un costo ragionevole, consentendo una diagnosi più tempestiva. Questo sistema inoltre facilita il monitoraggio e la gestione della malattia, anche da remoto.

La discussione delle tesi di master è avvenuta alla presenza del consiglio di corso composto dal direttore, Francesco Curcio, e da Carlo Pucillo e Daniele Nigris. «Questo percorso formativo – spiega il professor Curcio, ordinario di patologia clinica all’Ateneo friulano – si è reso necessario in virtù dell’evoluzione tecnologica e organizzativa del sistema sanitario che richiede figure professionali innovative nelle strutture pubbliche, nell’industria e nelle farmacie».

Le caratteristiche del master - Organizzato dal Dipartimento di Area medica, il master, di primo livello e annuale (la seconda edizione è in corso), si rivolge ai laureati in Tecniche di laboratorio biomedico e Scienze biologiche. Prevede 384 ore di didattica frontale, laboratoriale e seminariale, 100 ore di stage e si svolge part time. Il corso rientra nei master approvati dal Ministero della salute, in accordo con l’Osservatorio delle professioni sanitarie istituito presso il Ministero dell’università e della ricerca, in ottemperanza al contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto della sanità. Il contratto infatti introduce una nuova disciplina di incarichi per lo svolgimento di funzioni con assunzione diretta di elevate responsabilità aggiuntive e maggiormente complesse rispetto al ruolo della categoria e del profilo di appartenenza.

I contenuti formativi - Il master è suddiviso in otto moduli didattici: management, gestione e organizzazione sanitaria; economia e diritto sanitario; patologia clinica, tecnologia, governo tecnico e della qualità dei Point of care testing; la governance multidisciplinare dei Point of care testing; dalla teoria alla pratica (laboratori, predisposizione di documentazioni di gara, seminari con ditte, testimonianze).

I 34 nuovi esperti formati dal master - Dario Piacquadio, Michele Leonetti, Cristina Carboni, Antonella Lattanzio; Silvio Zamparo, Elisa Romano, Alessandro Duic, Maria Fadda, Mariano Manzoni, Francesca Bonasera, Federica Cimolino, Irene Batini, Laura Boeri, Francesco Carmignani, Loredana Caveglia Cresto, Ilenia Cervino, Margherita Menon, Mariolina Pizzuto, Maria Rosetta Puppio, Maria Rita Zanni, Angela Pati, Gianluca Mineo, Marilena Salomone, Vito Capponcelli, Vincenzo Cinapri, Nicole Nale, Emanuel Paionni, Irene Traci, Veronica Mazzola, Mario Mele, Monica Fontanari, Katia Giacomuzzi, Alessio Tarquini.

Sullo stesso tema

Mercoledì 18 Gennaio

Economia circolare, ciclo integrato dei rifiuti: presentato il nuovo master interateneo

Coinvolte le Università di Udine e Trieste, in collaborazione con Regione, Comune e Consorzio per lo Sviluppo del Polo Universitario di Gorizia, aziende del settore

Lunedì 16 Gennaio

Economia circolare, ciclo integrato dei rifiuti: in arrivo il nuovo master interateneo

Presentazione a Gorizia, mercoledì 18 gennaio, alle 11, nella Sala Dora Bassi. Rivolto a dirigenti e tecnici operanti nella gestione dei rifiuti urbani

Mercoledì 11 Gennaio

I laboratori fuori dai laboratori: dal Covid alla medicina territoriale, come cambia la sanità con le analisi decentralizzate

Convegno sui Point of care testing venerdì 13 gennaio, dalle 9, all’Hotel La Di Moret