Esposizione visitabile fino al 17 giugno, dalle 14 alle 18

“Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

A Palazzo di Toppo Wasserman, a Udine, la mostra sulla storia e la memoria dei campi di concentramento fascisti

Si intitola “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...” la mostra dedicata alla storia e alla memoria dei campi di concentramento fascisti in Italia (Gonars e Visco) e Croazia (Arbe) allestita nel Velario del Palazzo di Toppo Wassemann a Udine (via Gemona 92). Organizzata dall’Università di Udine, ha lo scopo di aiutare a mantenere vivi i ricordi delle discriminazioni nel passato grazie all’esposizione di espressioni artistiche quali fotografie e fumetti. La mostra è visitabile fino al 17 giugno, nei giorni lavorativi, dalle 14 alle 18.

L’iniziativa – curata da Nataša Mataušić, Saša Kralj e Alice Straniero – rientra nel progetto europeo “Meeting Memories: learning from the past to confront dehumanization today”, partecipato anche dall’Ateneo friulano. La mostra comprende un’introduzione storica, sul tema dei campi fascisti, e la sezione che espone i lavori dei partecipanti al progetto svolti durante i vari laboratori tematici.

«Il progetto – spiegano le coordinatrici per l’Università di Udine, Natka Badurina ed Elisa Copetti, del Dipartimento di lingue e letterature, comunicazione, formazione e società – ha inteso far conoscere storia e memorie delle persecuzioni degli anni ’30 e ’40 del secolo scorso, per contribuire a sviluppare la consapevolezza dei meccanismi di discriminazione, possibili anche nelle società odierne».

 

Sullo stesso tema

Lunedì 13 Giugno

Ultimi giorni della mostra “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

Venerdì 17 giugno, alle 16, evento conclusivo a Palazzo di Toppo Wassermann a Udine

Venerdì 10 Giugno

Undici argentini di origini friulane al corso “valori identitari e imprenditorialità”

Lunedì 13, alle 10, a Palazzo Florio, inaugurazione del percorso formativo su identità, lingua e cultura italiana e friulana, conoscenza culturale ed economica del territorio