Poste le basi per nuove collaborazioni con l’ateneo croato, anche attraverso i “double degree”

Accordo Udine-Fiume per sinergie nella didattica, nella ricerca e nella progettazione europea

Intesa firmata dai rettori Alberto Felice De Toni e Pero Lučin

Attivare nuove collaborazioni e sinergie nella didattica, nella ricerca e nella progettazione europea. Sono gli obiettivi dell’accordo di collaborazione tra le università di Udine e di Fiume firmato dai rettori Alberto Felice De Toni e Pero Lučin. L’intesa è stata firmata in occasione della visita ufficiale di De Toni all’ateneo croato. «Questo accordo – ha spiegato De Toni – pone le basi per una proficua  collaborazione, in particolare per la progettazione europea e per la didattica; per esempio attraverso i cosiddetti i “double degree”».

Il rettore dell’Università di Udine si è detto «molto soddisfatto» dell’incontro con i vertici dell’ateneo fiumano e «piacevolmente colpito» dalle sue strutture. «Abbiamo invitato i colleghi di Fiume a Udine – ha affermato De Toni – e quanto prima fisseremo la data dell'incontro».

Il rettore dell’ateneo friulano era accompagnato da Sandra Salvador, capo dell’Area servizi per la ricerca, Sonia Bosero, responsabile dell'ufficio mobilità e relazioni internazionali, e da Luca Taddio della casa editrice Mimesis. Per l’Università di Fiume, oltre al rettore, hanno partecipato all’incontro anche Snježana Prijić Samaržija, delegata alla didattica e ai servizi agli studenti; Goran Turkalj, preside della facoltà di Ingegneria; Elso Kuljanic, già docente all’università di Udine, e Darko Štefan, responsabile dell’Ufficio relazioni internazionali.

Sullo stesso tema

Martedì 15 Novembre

Viticoltura ed enologia, Ateneo in festa per i trent'anni di formazione

Sabato 19 novembre, dalle 9.30 alle 12.30, al polo economico di via Tomadini 30/A

Martedì 25 Ottobre

Un nuovo modo di fare Internazionalizzazione

Disponibili due bandi per l'organizzazione di viaggi studio e BIP Erasmus

Mercoledì 12 Gennaio

Internazionalizzazione: nuove opportunità grazie a due bandi rivolti ai docenti

Martedì 18 gennaio riunione informativa online