Frutto della cooperazione decennale tra l’Ateneo e l’austriaca Treibacher Industrie AG

Ecco il catalizzatore Euro 6 nato dalla ricerca svolta all'Università di Udine

Coperto da brevetti internazionali, sarà presentato al Congresso mondiale della Society of Automotive Engineers di Detroit

È italo-austriaco uno dei catalizzatori per l’eliminazione di ossidi di azoto da motori diesel Euro 6, ossia compatibile con gli standard europei sulle emissioni inquinanti, che saranno applicati ai nuovi veicoli e mezzi pesanti stradali in vendita nell’UE dal 2014. Frutto di dieci anni di collaborazione scientifica tra il gruppo di catalisi industriale del Dipartimento di Chimica, fisica e ambiente (Dcfa) dell’Università di Udine e la carinziana Treibacher Industrie AG, il catalizzatore, oggi coperto da due brevetti industriali internazionali, sarà presentato in aprile a Detroit (Usa) al Congresso mondiale 2011 della Society of Automotive Engineers (SAE), dedicato alle tecnologie innovative e al progresso industriale in campo automobilistico.

Il catalizzatore, concepito e studiato nell’ambito della collaborazione con Treibache Industrie, è ora oggetto di studio e di perfezionamento nel progetto di ricerca Interreg IV “Studio di nuovi materiali per la rimozione di inquinanti dai gas esausti dei motori a combustione interna”, del valore di 1,6 milioni di euro, realizzato in partnership fra Treibacher Industrie e Dipartimento di Chimica, fisica e ambiente dell’ateneo friulano. Il lavoro si inserisce nelle attività principali del gruppo di catalisi industriale del Dipartimento udinese, che da vent’anni si occupa di applicazioni di materiali a base di elementi delle terre rare (cerio in particolare) in convertitori catalitici per autovetture a benzina e diesel.

La particolarità del nuovo catalizzatore è rappresentata dal materiale di cui è costituito, a base di ferro e terre rare. «Questo materiale – spiega Alessandro Trovarelli, coordinatore del gruppo udinese – ha permesso di realizzare un catalizzatore innovativo capace di ottenere elevata attività e stabilità termica rispetto ai materiali sviluppati per questo tipo di applicazioni, e con costi competitivi». Il gruppo del Dipartimento di Udine ha collaborato negli anni anche con Ford Motor Company, Centro ricerche Fiat e con i principali produttori di catalizzatori nella ricerca e nello sviluppo di nuovi materiali catalitici. Attualmente a Udine si studiano catalizzatori anti-particolato e catalizzatori deNOx di nuova generazione.

Il catalizzatore Euro 6 sarà obbligatorio dal 2014 su tutte le vetture e prevede l’utilizzo di urea come additivo per l’eliminazione degli ossidi di azoto. Dal 2008 viene utilizzato sui mezzi pesanti ed è installato attualmente su due modelli automobilistici di punta rispettivamente dei gruppi Mercedes e Audi. Grazie a questo progetto la Treibacher Industrie ha vinto il premio innovazione della Carinzia ed è entrata tra le finaliste del premio nazionale che si terrà a Vienna il prossimo 22 marzo.

Sullo stesso tema

Martedì 21 Settembre

Chimica per l’ingegneria: Matteo Busato premiato per la migliore tesi di dottorato

Per uno studio sull’uso di liquidi ionici come alternativa più sicura ed ecologica ai tradizionali solventi organici

Venerdì 27 Agosto

Chimica: riconoscimento nazionale a giovane studiosa dell'Ateneo friulano

Maila Danielis ha vinto, ex aequo, il Premio Mauro Graziani con una ricerca, in collaborazione con la Ford, sui catalizzatori ecologici per veicoli a gas naturale

Mercoledì 22 Luglio

A Matteo Busato il premio dell’Associazione italiana di chimica per ingegneria per la miglior tesi di dottorato

Riconoscimento per il suo lavoro finale, relatore Andrea Melchior, del corso in Scienze dell’ingegneria energetica e ambientale