lunedì 31 luglio e martedì 1 agosto

Serm Academy: workshop preparatorio per l’esercitazione Sermex 2017

Coordinamento scientifico del laboratorio Sprint di sicurezza e protezione intersettoriale

Il laboratorio Sprint di sicurezza e protezione intersettoriale dell’Università di Udine ha coordinato, lunedì 31 luglio e martedì 1 agosto, il workshop preparatorio per l’esercitazione Sermex 2017, nell’ambito della scuola Serm Academy (International Training School in Seismic Emergency Response Management).

Sermex è un’esercitazione di emergenza sismica in scala reale che coinvolge il Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, la Protezione civile regionale, l’Università di Udine, il Comune di Venzone con l'associazione dei Comuni terremotati e dei sindaci della ricostruzione del Friuli, l'Istituto nazionale di Oceanografia e geofisica sperimentale (Ogs) di Trieste, i Vigili del fuoco e la Protezione civile di Austria e Slovenia.

Coordinata dal gruppo Sprint, la Serm Academy è volta primariamente a soddisfare gli obiettivi formativi della Protezione civile regionale e del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, in materie connesse alla gestione dell’emergenza sismica, nell’ottica di definire un modello integrato di risposta. Grazie ad esercitazioni in scala reale la Serm Academy contribuisce a migliorare il sistema interforze di soccorso presente in Regione Friuli Venezia Giulia, che prevede la sinergia tra gli attori in campo: istituzioni, università e volontariato.

All'apertura del workshop erano presenti l’assessore della Protezione Civile Fvg, Paolo Panontin; il direttore del Dipartimento formazione del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, Emilio Occhiuzzi; il sindaco di Venzone, Fabio Di Bernardo; il direttore del laboratorio Sprint, Stefano Grimaz; il direttore regionale dei Vigili del fuoco del Fvg, Loris Munaro, e Fabio Di Bernardo per la Protezione civile.

Le due giornate di lavoro sono state strutturate sotto forma di workshop formativo organizzato in sessioni di approfondimento e confronto seguendo una logica di tipo partecipativo che ha coinvolto la Protezione civile della Regione Fvg, l’Università di Udine, il Corpo nazionale dei Vigili del fuoco e l’Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale.

Il gruppo Sprint ha presentato metodologie innovative ottimizzate a seguito della loro applicazione durante l’emergenza sismica dell’Italia centrale e che verranno applicate durante l’esercitazione Sermex2017 a Portis Vecchia, in comune di Venzone, dal 11 al 15 settembre. Le metodologie riguardano nuovi strumenti di supporto per l'esecuzione dei rilievi, l’applicazione di nuove tecnologie di telerilevamento, l’utilizzo di mezzi aerei e droni, l’automatizzazione dell’acquisizione e della resa dei dati rilevati sul campo per la valutazione della situazione emergenziale in tempo reale.

Sullo stesso tema

Venerdì 6 Maggio

6 maggio 1976, l’Orcolat colpisce il Friuli

Il messaggio del rettore Roberto Pinton

Martedì 3 Maggio

Rischi, disastri e territori resilienti: gestire, pianificare e ricostruire

Venerdì 6 maggio, alle 15.30, esperti a confronto in diretta streaming

Lunedì 13 Settembre

Dal modello Friuli spunti per la ricostruzione post Covid

A 45 anni dal sisma, analogie e proposte per un futuro più sicuro, sostenibile, inclusivo e resiliente