Ultimi giorni della mostra “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

Venerdì 17 giugno, alle 16, evento conclusivo a Palazzo di Toppo Wassermann a Udine

Ultimi giorni di apertura della mostra “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...” organizzata dall’Università di Udine nel Velario di Palazzo di Toppo Wassermann a Udine (via Gemona 92). L’esposizione, visitabile dalle 14 alle 18, è dedicata alla storia e alla memoria dei campi di concentramento fascisti in Italia (Gonars e Visco) e Croazia (Arbe). Venerdì 17 giugno, alle 16, si terrà l’evento conclusivo: interverranno Natka Badurina, Elisa Copetti, Monica Mosolo, Ljerka Hofman.

La mostra comprende un’introduzione storica, sul tema dei campi fascisti, e la sezione che espone i lavori dei partecipanti al progetto svolti durante i vari laboratori tematici. Obiettivo dell’iniziativa è aiutare a mantenere vivi i ricordi delle discriminazioni nel passato grazie all’esposizione di espressioni artistiche quali fotografie e fumetti.

La mostra rientra nel progetto europeo “Meeting Memories: learning from the past to confront dehumanization today”, partecipato anche dall’Ateneo friulano, con il coordinamento di Natka Badurina ed Elisa Copetti.

Sullo stesso tema

Martedì 31 Maggio

Si apre la mostra “Che genere di voto. Immagini e parole dalla stampa friulana sul primo voto alle donne 1946-1948”

La mostra, con il patrocinio dell’Università di Udine e del Comitato unico di garanzia dell’Ateneo, sarà inaugurata il 1 giugno a Palazzo Antonini

Martedì 31 Maggio

“Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

A Palazzo di Toppo Wasserman, a Udine, la mostra sulla storia e la memoria dei campi di concentramento fascisti

Lunedì 23 Maggio

Persecuzioni e discriminazioni degli anni ’30 e ‘40: tra storia e memoria; testimonianze e mostra all’Ateneo

Il 26 maggio, alle 9, a Palazzo Antonini, conferenza con due sopravvissuti ai campi di Arbe e Gonars; alle 12, la mostra a Palazzo di Toppo Wasserman