Giovedì 16 settembre a palazzo Antonini-Cernazai

La tutela dell’ecosistema del mare Adriatico e delle sue coste

L’esperienza del progetto AdSWiM ed il coinvolgimento del territorio. Workshop rivolto ad amministratori locali, tecnici, media e cittadini

Si svolgerà all'Università di Udine giovedì 16 settembre alle 15 presso l’Aula Gusmani di Palazzo Antonini il workshop dedicato a “La tutela dell'ecosistema del mare Adriatico e delle sue coste”, organizzato dal Comune di Udine e dall’Università degli Studi di Udine, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale - OGS e con CAFC S.p.A..

Il workshop ha l’obiettivo di condividere con gli amministratori locali, i tecnici, i media e i cittadini le attività di ricerca, le esperienze tecniche e gli approfondimenti legislativi che hanno caratterizzato i 30 mesi progettuali, sul tema della gestione delle acque reflue urbane in relazione al mare Adriatico. L’intento è quello di restituire al territorio locale le esperienze del lavoro svolto dai 12 partner italo croati che si sono impegnati nello sviluppo di un modello innovativo di uso gestito delle acque depurate e con un impatto di sostenibilità ambientale elevato, che potrà, una volta testato, essere trasferito anche ad altri impianti di depurazione, in modo da uniformare e condividere modelli di gestione delle acque reflue trattate su tutto il territorio lungo le coste adriatiche, come sottolinea il motto di AdSWiM: il mare Adriatico è uno, la sua cura è di tutti.

Che la salvaguardia dell’ambiente marino stia a cuore a tutti, lo confermano molte iniziative organizzate a livello nazionale e internazionale in occasione della Giornata mondiale per il Monitoraggio delle acque che si celebra il 18 settembre e vuole sensibilizzare l’opinione pubblica, aumentando il coinvolgimento di tutti i portatori di interesse nella protezione delle risorse idriche in tutto il mondo.

L’importanza di questa tematica ci viene in particolare confermata dalle presenze istituzionali dei partner regionali coinvolti nel progetto di cooperazione interregionale che hanno già confermato l’invito. Apriranno così l’incontro, che si terrà in presenza, portando i saluti istituzionali il dott. Fabio Scoccimarro, Assessore alla difesa dell’ambiente, all’energia e sviluppo sostenibile della Regione autonoma Friuli – Venezia Giulia, l’on. Pietro Fontanini, Sindaco del Comune di Udine e il dott. Salvatore Benigno, Presidente di CAFC S.p.A..

Seguiranno la presentazione del workshop e del progetto AdSWiM da parte della coordinatrice progettuale, la dott.ssa Sabina Susmel, che modererà l’incontro, e i tre interventi focalizzati sugli obiettivi progettuali primari: il miglioramento delle condizioni ambientali del mare e delle aree costiere con interventi innovativi e sistemi rapidi di misura per il controllo chimico e microbiologico dei reflui trattati, lo sviluppo territoriale transfrontaliero sostenibile e l’implementazione di una gestione integrata delle acque reflue e dei regolamenti condivisi.

Il primo intervento, presentato dalla dott.ssa Paola Del Negro, Direttore generale dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS, verterà infatti su “La distribuzione dei nutrienti nel mare Adriatico settentrionale: punto focale per l’equilibrio dell’ecosistema”. L’ing. Michele Mion, Direttore della Divisione Operativa Depurazione di CAFC S.p.A., invece illustrerà “L’utilizzo delle strutture artificiali FAD (Fish Aggregating Devices) REEFBALL per incrementare la catena trofica nell’ambiente marino che sono state utilizzate per ricreare la sinergia tra il depuratore e il mare”. L’ultimo intervento sarà del professore associato di Diritto amministrativo dell’Università degli studi di Udine, consulente per il Comune di Udine Leopoldo Coen che proporrà una “Analisi comparata della legislazione tra Italia e Croazia sulla gestione delle acque reflue: criticità e opportunità”.

Seguirà la tavola rotonda durante la quale amministratori, tecnici e partecipanti all’incontro saranno invitati a dialogare con le Istituzioni e con i Relatori per approfondire gli argomenti trattati. Chiuderanno il workshop l’Assessore alla Pianificazione Territoriale e Progetti Europei la dott.ssa Giulia Manzan e l’arch. Bruno Grizzaffi dell’Unità Operativa Progetti Europei e Partecipazione del Comune di Udine.

Programma dettagliato, pdf.

Per motivi organizzativi, per poter partecipare all’incontro sarà necessaria la registrazione al modulo online. Inoltre, per poter partecipare all’incontro in presenza, bisognerà essere muniti di Green pass e di documento carta di identità, come previsto dal decreto-legge recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche.

Per poter seguire l’incontro in diretta ma in versione digitale, sarà sufficiente accedere alla piattaforma Teams.

Per informazioni, inviti e conferme, RSVP a Federica Angeli: federica.angeli@comune.udine.it.


Alcuni dati della Campagna di sensibilizzazione e promozione del progetto AdSWiM

Il progetto europeo, che si concluderà a dicembre 2021 con una conferenza di chiusura, è stato premiato di recente come esempio di buona pratica dal Programma Italia Croazia 2014-2020, per l’impegno e il coinvolgimento cittadino, in particolare per il coinvolgimento di oltre 600 alunni e 80 insegnati raggiunti con le attività di formazione mirate e un modulo didattico creato ad hoc, grazie ad una campagna di sensibilizzazione convincente intitolata DoyouSea? - ViviilMare? - ŽivišliMore? e tradotta in tre lingue (italiano, croato e inglese).

Il progetto ha così raggiunto e superato tutti gli obiettivi prefissati:

  • Buona pratica è l’unico progetto del Programma Italia Croazia 2014-2020 presentato al “Comunicare Interreg", evento organizzato dall'Agenzia Italiana per la Coesione Territoriale e dalla Regione Puglia, in linea con "Europa più vicina ai cittadini" e per le attività che tutelano e migliorano l'ambiente urbano, educano e informano i cittadini, al fine di raggiungere la sostenibilità locale e globale.
  • Nella short list dei top 10, come migliore progetto europeo per il concorso SLAM Interreg nel 2020 sezione Youth;
  • Progetto approvato e selezionato dal comitato scientifico PROESOF 2020 per la promozione, lo sviluppo del modulo didattico e la formazione con le scuole;
  • Buona pratica del Programma Italia –Croazia, comunicazione e divulgazione con il pubblico, presentato a 5thEUSAIR Forum Belgrade a gennaio 2021;
  • Oltre 7 milioni di persone raggiunte grazie ad un efficiente utilizzo dei media tradizionali e online: abbiamo infatti pubblicato circa 60 articoli divulgativi e siamo presenti su testate internazionali, nazionali, regionali tra cui IlSole24ore - rivista Platinum, L’Abruzzo Economia, il Gazzettino, Messaggero Veneto, il Piccolo, TriestePrima, IlFriuli, Udine Today, FriulSera, Abruzzo Impresa, Abruzzo Economia, Delo, Slobodna Dalmacija, Zadarski List, Dalmatinski Portal, Glas Istre, 057Info, Pulska Svakodnevnica, Regionale Express, ecc.. Inoltre, siamo stati presenti in televisioni locali, nazionali e nei programmi radiofonici della RAI.
  • Circa 15 pubblicazioni scientifiche pubblicate online sui canali come MDPI, ScienceDirect, Springer, 8 poster scientifici, 1 tesi di laurea dedicata, ecc..
  • Circa 600 alunni/e ed 80 insegnanti raggiunti con le attività di formazione mirate e un modulo didattico creato ad hoc, approvato dal Ministero dell’istruzione e dal Ministero dell’Università e Ricerca - MIUR e dal sistema di certificazione S.O.F.I.A. (Sistema Operativo per la Formazione e le Iniziative di Aggiornamento dei docenti) in collaborazione con le Agenzie Regionali per l’Ambiente e con il sostegno con la Comunità Italiana in Croazia.
  • Circa 110 eventi, laboratori e workshop realizzati sia in presenza che online che hanno coinvolto tutti i partner progettuali con presentazioni ai convegni internazionali e nazionali come il Festival dell’Acqua di Venezia, Sealogy di Ferrara, Remtech Europe e Remtech Conferenza Nazionale, la Notte dei Ricercatori, Sharper Night, BioCAMPA, CroFish, Convegno “Qualità delle Acque e fertilità del Mare”, Convegno Water Safety Plan, Bionalytic Scientific Day di Parma, ESOF Trieste 2020.  Nautici in Blu, Phd Ocean Hackaton, Festival Znanosti Pula, Zadar, Split, Water and Climate Conference Split, AIOL Congress, Giornata Bioanlitica di Torino 2021, International Biosensors Conference 2021.
  • Circa 50 post semestrali per ogni canale dei social media pubblicati su 3 profili Facebook (Adswimproject (217 follower), Adswim Univpm (114 follower), Adwim IC-CNR (117 follower), su 1 profilo TWITTER (AdswimProject con 137 follower) e  sul gruppo di professionisti che abbiamo creato su LINKEDIN (Adswimproject con 607 membri). Tutti i post sono strutturati seguendo un piano editoriale dettagliato e raggruppati intorno alla campagna di sensibilizzazione che segue le più importanti date internazionali legate all’ambiente, alla salute, alla sostenibilità e all’educazione.
  • Un canale aperto su YOUTUBE con una video infografica realizzata appositamente per la sensibilizzazione del pubblico, in particolare gli studenti, che è stata inserita sul portale della Fondazione INDIRE come materiale didattico di qualità per le scuole e per la DAD, 3 video realizzati ad hoc da CAFC S.p.A. e da VIK Split e 6 playlist dedicate ai prodotti/eventi dei partner.

 

La comunicazione del progetto triennale ADSWIM è stata affidata all’Unità Operativa Progetti Europei e Partecipazione del Comune di Udine, con il supporto dei consulenti dell’impresa LETTERA B.

Sullo stesso tema

Venerdì 10 Giugno

Undici argentini di origini friulane al corso “valori identitari e imprenditorialità”

Lunedì 13, alle 10, a Palazzo Florio, inaugurazione del percorso formativo su identità, lingua e cultura italiana e friulana, conoscenza culturale ed economica del territorio

Giovedì 9 Giugno

Vent’anni di Scienze dell’architettura a Udine: summer school dedicata a Palladio

Il 13 e 14 giugno focus con studiosi internazionali sulle nuove frontiere dell’architettura tra digitalizzazione, realtà virtuale e aumentata. Quest’anno il corso ha aumentato gli immatricolati del 36%