A cura della Società filosofica italiana (sezione Fvg), in collaborazione con l’Ateneo

La vita ottusa, materia e memoria del vivente: secondo incontro di Filosofia in Città

Appuntamento con Federico Leoni, giovedì 24 marzo, alle 16, a Palazzo Florio

Giovedì 24 marzo, alle 16, nella sala Florio di Palazzo Florio, a Udine (in via Palladio 8), si terrà l’incontro “La vita ottusa. Materia e memoria del vivente”, nell’ambito di Filosofia in città 2022. Interverrà Federico Leoni, con i contributi di Beatrice Bonato e Damiano Cantone. L’iniziativa è organizzata dalla Società Filosofica Italiana – Sezione FVG in collaborazione con il Teatro Nuovo Giovanni da Udine, l’Università di Udine, Vicino/lontano, CSS Teatro stabile d’innovazione del FVG, Rete per la Filosofia e gli Studi umanistici, con il patrocinio della Fondazione Friuli e il Comune di Udine.

Tema del secondo incontro di questa edizione di Filosofia in città, è la “facilità” con cui rimuoviamo via via il ricordo dei momenti più tragici della pandemia. Questa “facilità” può essere considerata non solo e non tanto come un indice di insensibilità, quanto come un esempio della tendenza della vita a riprendere il suo flusso, quasi “ottusamente”, incorporando le sofferenze e le morti. Da queste osservazioni si può muovere, naturalmente anche per metterla in discussione, verso una visione filosofica che prenda le distanze da prospettive di pensiero novecentesche, dominate spesso da una concezione negativa della vita quale semplice resistenza alla morte.

Federico Leoni insegna Antropologia filosofica presso l’Università di Verona. È coordinatore scientifico del Centro di ricerca per la filosofia e la psicoanalisi istituito presso il Dipartimento di scienze umane della stessa Università. È condirettore della rivista internazionale “Chiasmi”, dedicata al pensiero di Maurice Merleau-Ponty; della collana “Phi/Psy” dell’editore Orthotes; della rivista “LETTERa”, organo dell’Associazione Lacaniana Italiana di Psicoanalisi. Si occupa del rapporto tra filosofia, psichiatria, psicoanalisi tra Ottocento e Novecento, e della questione della soggettivazione nella filosofia moderna e contemporanea, dalla questione dell'inconscio a quella del corpo e dell’archeologia dei saperi occidentali che lo hanno storicamente investito, studiato, plasmato. Tra le sue pubblicazioni: Follia come scrittura di mondo (Milano 2001); Senso e crisi. Del corpo, del mondo, del ritmo (Pisa 2005); Habeas corpus. Sei genealogie del corpo occidentale (Milano 2008); Descartes. Una teologia della tecnologia (Milano 2013); Jacques Lacan, l’economia dell’assoluto (Nocera Inferiore SA 2016); Jacques Lacan, una scienza di fantasmi (Milano 2019); L’automa. Leibniz, Bergson (Milano 2019); Henri Bergson (Milano 2021).

Per partecipare sono richiesti il Green Pass rafforzato e la mascherina Ffp2. È necessario prenotare scrivendo a beatrix.bonato@gmail.com oppure a sfifvg@gmail.com. Per ciascun partecipante va comunicato un indirizzo email o un recapito telefonico. Sarà possibile seguire l’incontro online sulla pagina Facebook della Sezione FVG della Società Filosofica Italiana.

Sullo stesso tema

Giovedì 27 Gennaio

Filosofia in città 2022: la vita, la macchina, l’arte

Nuovo ciclo di incontri della Società Filosofica Italiana - sezione FVG, in collaborazione anche con l'Università di Udine

Giovedì 13 Maggio

Vaccini, quando la scienza spiega

Convegno online martedì 18 maggio, dalle 16