Smart Working, dialogo tra Università di Udine e Consulenti del Lavoro

Brollo: “In attesa del protocollo per il settore privato, riflettere su eredità del modello emergenziale per costruire una nuova modalità che metta in discussione i pilastri del lavoro e della società del ‘900”

In programma per martedì 7 dicembre presso il polo universitario economico-giuridico di via Tomadini l’evento di approfondimento, riservato ai Consulenti del Lavoro, dal titolo “Lo Smart Working tra lavoro e organizzazione”, in una cornice di dialogo e confronto tra la sfera accademica e quella professionale. L’incontro formativo infatti, promosso dai Consulenti del Lavoro di Udine in sinergia con il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Ateneo, vuole analizzare il mutamento della disciplina del Lavoro Agile dall’emergenza alla nuova normalità, affrontando una declinazione organizzativa d’impresa senza tralasciare l’aspetto inclusivo ed i costi connessi. “Siamo felici di affrontare da diversi punti di vista un tema tanto attuale quanto necessario, rinnovando la fondamentale relazione tra la nostra Professione e l’Università” dichiarano congiuntamente Enrico Macor, Presidente del Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro ed Alessandro Meneguzzi, Presidente Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro U.P. Udine.

Il convegno di approfondimento vedrà i saluti dell’Assessore al Lavoro della Regione FVG Alessia Rosolen, oltre ai rappresentanti dei Consulenti del Lavoro ed alla Direttrice del Dipartimento di Scienze Giuridiche Elena D’Orlando, che patrocina l’evento.

Secondo l’Assessore Rosolen “Per fare in modo che lo smart working non rimanga legato ad una fase emergenziale, ma rappresenti uno strumento utile e diffuso di flessibilità e proattività lavorativa e al contempo un elemento di promozione e sviluppo di strategie di sostenibilità ambientale, economica, sociale e istituzionale – obiettivi peraltro previsti dall’Agenda 2030 – è necessaria un’intensa collaborazione tra tutti gli attori del territorio per ripensare a nuove modalità organizzative e fare rete. In questo modo lo smart working, inteso come strumento innovativo in senso ampio, potrà avere un forte impatto anche sui rapporti socio-economici del territorio.”

Coordinati dalla Presidente dell’Associazione Giovani Consulenti del Lavoro di Udine, Elena Gheller, i relatori che si alterneranno al tavolo di lavoro sono Marina Brollo, Professoressa Ordinaria di Diritto del Lavoro nell’Università degli Studi di Udine e componente del gruppo di studio sul lavoro agile presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nonché Francesca Visintin, Professoressa Ordinaria di Organizzazione Aziendale nell’Ateneo friulano, e Massimiliano De Falco, Assegnista di ricerca in Diritto del Lavoro nell’Università degli Studi di Udine e Dottorando di ricerca ADAPT nell’Università degli Studi di Siena, mentre chiuderà i lavori Davide Buzzoni, Segretario dell’Associazione Giovani Consulenti del Lavoro di Udine.

Sullo stesso tema

Venerdì 17 Giugno

Occupazione dei laureati: Ateneo di Udine al quarto posto in Italia

Il 95% dei laureati magistrali lavora a 5 anni dal titolo Sopra la media italiana anche l’occupazione dei laureati a un anno dalla laurea: lavora il 79% dei triennali (74,5% in Italia) e l’85% dei magistrali (74,6% in Italia) Il 90,5% dei laureati è soddisfatto dell’esperienza universitaria a Udine

Venerdì 10 Giugno

Undici argentini di origini friulane al corso “valori identitari e imprenditorialità”

Lunedì 13, alle 10, a Palazzo Florio, inaugurazione del percorso formativo su identità, lingua e cultura italiana e friulana, conoscenza culturale ed economica del territorio