Appuntamento giovedì 18 novembre a Gorizia e online

Sostenibilità digitale: sfide e opportunità

Benefici e pericoli dell’innovazione digitale e comportamenti che favoriscono la sostenibilità

Sostenibilità digitale: sfide e opportunità” è il titolo della conferenza conclusiva del primo ciclo di incontri “Per un domani sostenibile. Un patto per lo sviluppo del territorio”, organizzato dall’Università di Udine con l’obiettivo di contribuire a promuovere la collaborazione tra cittadini e istituzioni per uno sviluppo sostenibile del territorio. L’appuntamento è per giovedì 18 novembre alle ore 17 a Gorizia, nella sala Dora Bassi (via Garibaldi n. 7), oppure online sulla piattaforma Microsoft Teams. Antonina Dattolo, docente di Informatica del Dipartimento di Scienze matematiche, informatiche e fisiche (DMIF) dell'Università di Udine e Direttrice dell'Unità di Ricerca dell’Istituto Nazionale di Alta Matematica – INDAM, traccerà un quadro fra benefici e pericoli dell’innovazione digitale, suggerendoci comportamenti che favoriscono la sostenibilità.

«Il digitale – sottolinea Dattolo - può essere una grande opportunità per l’ecosistema umano e quello ambientale, ma anche celare rischi legati all’uguaglianza, all’inclusione, all’emissione di CO2 ed ai materiali altamente inquinanti contenuti negli strumenti elettronici che utilizziamo ogni giorno e gettiamo via molto rapidamente. La conferenza vuole offrire alla cittadinanza le informazioni guida alla sobrietà digitale necessaria per raggiungere gli obiettivi chiave fissati dall’ONU per il 2030 e permettere, così, la sopravvivenza del pianeta e dei suoi abitanti».

Apriranno la conferenza Nicoletta Vasta, delegata del rettore per il Centro Polifunzionale di Gorizia, e Chiara Gatta, assessora all’Università del Comune Gorizia, co-organizzatore dell’evento. La conferenza sarà successivamente resa disponibile sul canale Youtube “Play Uniud” dell’Università di Udine.). L’ingresso alla conferenza è consentito con green pass fino a esaurimento dei posti disponibili. Per ogni informazione è possibile scrivere all’Ufficio Divulgazione scientifica, organizzatore delle iniziative, all’indirizzo alessandra.missana@uniud.it.

«La sostenibilità digitale – dice Antonina Dattolo – ha due volti: quello legato all’inquinamento generato da Internet, dalla presenza di dispositivi tecnologici e dall’energia che consumano; l’altro, che è quello che ci piace e ci permette di lavorare attivamente e con entusiasmo in questo campo, è quello che dematerializza, semplifica, avvicina le persone e fornisce servizi per tutti. La sostenibilità digitale si fonda sull’inclusione; permette di custodire immensi patrimoni culturali, di coinvolgere, condividendo, un pubblico esteso».

Durante la conferenza si spazierà dal dove vanno a finire i nostri vecchi smartphone e computer a che cosa significa inclusione digitale, quanto il digitale può favorire la creazione di una comunità consapevole attraverso l’innovazione e la definizione di buone pratiche e comportamenti virtuosi, che possano sostenere una crescita collettiva, che includa chiunque, di ogni età, facendo di ogni bisogno speciale un valore aggiunto per migliorare la qualità per tutti.

Sullo stesso tema

Lunedì 13 Giugno

Secondo posto per l’Università di Udine a Enactus Italia, gara fra idee imprenditoriali sociali e sostenibili

Gli studenti dell’Ateneo hanno partecipato con i progetti Convert e Innovalgae che mirano a ridurre l’anidride carbonica prodotta dai processi industriali

Lunedì 13 Giugno

Economia circolare, il contributo del territorio

Ne discuteranno l’economista Antonio Massarutto e il direttore del Consorzio del prosciutto di San Daniele, Mario Cichetti