Inaugurazione mercoledì 19 giugno a palazzo di Toppo Wassermann

Tradizione e cultura medica nell’umanesimo friulano: in mostra antichi libri di medicina

Prima sezione espositiva dedicata a Ippocrate e Galeno, con importanti edizioni rinascimentali conservate alla Biblioteca “Joppi”

Si inaugura mercoledì 19 giugno la mostra bibliografica “Tradizione e cultura medica nell’Umanesimo friulano. Antichi libri di medicina della Biblioteca Civica Udinese ‘V. Joppi’”. L’esposizione, organizzata in tre sezioni che si susseguiranno in due diversi periodi espositivi, presenta alcuni fra i più interessanti libri antichi di medicina posseduti dalla Biblioteca Civica Udinese ‘Joppi’, con l’intento di promuovere la conoscenza dei testi medici antichi, invitando i più esperti alla consultazione e rendendo la cittadinanza consapevole del ricchissimo patrimonio librario disponibile sul territorio. L’inaugurazione si terrà alle ore 17 a palazzo di Toppo Wassermann, in via Gemona 92 a Udine. La mostra rimarrà aperta fino al 2 agosto, tutti i giorni da lunedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30. Per informazioni: info.scuolasuperiore@uniud.it.

La selezione di libri esposti include una serie di edizioni di importanti opere mediche dell’antichità e del Rinascimento, pubblicate nella prima età della stampa (XVI secolo). Questa prima sezione espositiva, a cui ne seguiranno altre due che saranno allestite a settembre, è dedicata ai due grandi maestri dell’antica medicina greca, Ippocrate (ca. 460-375 a.C.) e Galeno (129-216), e alle loro opere maggiori, che costituirono il nucleo del manuale di medicina, nato nel XII secolo nella Scuola Salernitana e rimasto in uso nelle università fino al Cinquecento, noto come Articella.

La mostra è organizzata in collaborazione tra la Scuola Superiore dell’Università di Udine e la Biblioteca Civica Udinese, su un progetto finanziato con un assegno di ricerca presso il Dipartimento di Studi Umanistici e del Patrimonio Culturale dell’ateneo friulano. All’inaugurazione porteranno i saluti il direttore della Scuola Superiore, Andrea Tabarroni, il dirigente del Servizio integrato Musei e Biblioteche del Comune di Udine, Romano Vecchiet. Presenterà la mostra Stefania Fortuna, docente di storia della medicina dell’Università Politecnica delle Marche.

La mostra è curata da Christina Savino, dottoressa di ricerca in Scienze dell’Antichità all’Università di Udine, (già collaboratrice scientifica del Corpus Medicorum Graecorum (CMG) e ricercatrice a tempo determinato alla Humboldt-Universität di Berlino), esperta di filologia dei testi medici greci, soprattutto galenici, storia della tradizione e fortuna di Ippocrate e Galeno dal Medioevo al Rinascimento, in collaborazione con gli allievi della Scuola Superiore udinese Giovanni Battista Buzzi, Maria Vittoria Curtolo, Serenella Todesco, William Cortes Casarrubios.

A settembre, nel secondo periodo espositivo, in due sezioni verranno presentate le opere di altri medici di età imperiale e della tarda antichità influenti sulla cultura medica occidentale, come Celso, Dioscoride e Oribasio, e opere originali e commenti firmati nel Rinascimento da medici nativi e attivi sul territorio friulano, per lo più udinesi, come Luigi Luisini e Fabio Paolini.

Sullo stesso tema

Giovedì 29 Settembre

La natura del tempo: conferenza di Carlo Rovelli alla Scuola Superiore dell’Ateneo

Il 30 settembre, alle 17.30, nell’aula “Strassoldo” del polo di via Tomadini 30

Lunedì 13 Giugno

Ultimi giorni della mostra “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

Venerdì 17 giugno, alle 16, evento conclusivo a Palazzo di Toppo Wassermann a Udine