Da venerdì 11 a lunedì 14 luglio a palazzo Garzolini

Chimica industriale: a Udine oltre 100 studiosi da 25 Paesi a confronto sull’ossido di cerio

Il punto sull’utilizzo di questo materiale utilizzato nei sistemi di scarico delle autovetture e in applicazioni catalitiche

Da venerdì 11 a lunedì 14 luglio si svolge a Udine, presso palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann in via Gemona 92, il workshop internazionale “Fundamentals and applications of cerium dioxide in catalysis - Fondamenti e applicazioni di biossido di cerio in catalisi” (http://ceria.cism.it/). Parteciperanno al convegno oltre 100 studiosi da 25 Paesi, tra cui, oltre a una folta delegazione europea, Stati Uniti, Giappone, India, Cina e Sud America. I lavori inizieranno alle 16.45 con il saluto del delegato alla ricerca dell’Università di Udine, Roberto Pinton, e del rettore dell’ateneo giuliano, Maurizio Fermeglia.

L’iniziativa è organizzata congiuntamente dalle Università di Udine e di Trieste – coordinamento scientifico dei docenti Alessandro Trovarelli e Paolo Fornasiero – e dal Centro internazionale di scienze meccaniche (Cism) di Udine. Nel corso del convegno saranno presentate 18 relazioni da parte di personalità scientifiche accademiche e di provenienza industriale rappresentative della ricerca di punta del settore.

«L’ossido di cerio – spiega Alessandro Trovarelli, docente di chimica industriale e tecnologica dell’ateneo di Udine - è un materiale tecnologicamente molto rilevante in applicazioni di tutti i giorni, quali ad esempio il suo uso in tutti i sistemi di trattamenti degli scarichi da autovetture (marmitte catalitiche), ma anche in applicazioni catalitiche per la produzione di idrogeno ed in generale nel settore energetico-ambientale».

Sullo stesso tema

Martedì 21 Settembre

Chimica per l’ingegneria: Matteo Busato premiato per la migliore tesi di dottorato

Per uno studio sull’uso di liquidi ionici come alternativa più sicura ed ecologica ai tradizionali solventi organici

Venerdì 27 Agosto

Chimica: riconoscimento nazionale a giovane studiosa dell'Ateneo friulano

Maila Danielis ha vinto, ex aequo, il Premio Mauro Graziani con una ricerca, in collaborazione con la Ford, sui catalizzatori ecologici per veicoli a gas naturale

Mercoledì 22 Luglio

A Matteo Busato il premio dell’Associazione italiana di chimica per ingegneria per la miglior tesi di dottorato

Riconoscimento per il suo lavoro finale, relatore Andrea Melchior, del corso in Scienze dell’ingegneria energetica e ambientale