Meccanismi di reazione e sistemi catalitici più efficienti nelle reazioni di “coupling”: revisione critica pubblicata su Chemical Reviews

Il lavoro firmato da Alessandro Del Zotto del Dipartimento di Scienze agroalimentari, ambientali e animali, con tre colleghi dell’ateneo patavino

 Un’analisi critica dei meccanismi di reazione e delle caratteristiche e peculiarità dei sistemi catalitici più efficienti, e un ampio excursus dedicato all’applicazione industriale di catalizzatori di palladio eterogenei. Sono, in sintesi, i contenuti della review – una rassegna che prende in esame tutti i dati pubblicati su un determinato argomento e li discute – firmata da Alessandro Del Zotto, del Dipartimento di Scienze agroalimentari, ambientali e animalI (DI4A) dell’Università di Udine, e Andrea Biffis, Paolo Centomo e Marco Zecca del Dipartimento di Scienze chimiche dell’Università di Padova, che si è aggiudicata la pubblicazione sulla prestigiosa rivista Chemical Reviews della American Chemical Society.

 
La review, di 47 pagine (scarica il pdf), è intitolata “Pd Metal Catalysts for Heck and Cross-Coupling Reactions in the 21st Century: a Critical Review”. «Abbiamo dato particolare enfasi – spiega Del Zotto - alla verifica sperimentale del “reale” meccanismo catalitico, facendo così chiarezza sulle molte ambiguità e/o errate interpretazioni presenti in letteratura, purtroppo anche nelle pubblicazioni più recenti. Il lavoro, in particolare, è focalizzato sulle reazioni di Heck e Suzuki, premi Nobel 2010 per la chimica, e Sonogashira, attualmente le più utilizzate per la formazione del legame carbonio-carbonio, e di Buchwald-Hartwig, per la formazione del legame carbonio-azoto, catalizzate da palladio metallico, palladio supportato su matrici inorganiche e organiche e nanoparticelle di palladio».
 
La pubblicazione su Chemical Reviews rappresenta un traguardo di prim’ordine a livello nazionale, basti pensare che nell’anno appena trascorso su 262 reviews complessive soltanto in 6 di esse è presente un italiano fra gli autori. «Chemical Reviews – sottolinea Del Zotto - è, tra le migliaia di riviste scientifiche recensite dal Journal Citation Reports, la quarta nella graduatoria assoluta, dopo tre riviste del settore medico/clinico, il suo IF 2016, il più recente disponibile, è 47.928, valore che è nettamente superiore a quelli di Nature (40.137) e Science (37.205)».
 
L’iter di pubblicazione è durato circa 21 mesi, dalla proposta di strutturazione del lavoro al caporedattore e fino alla pubblicazione, e ha visto il manoscritto sottoposto a 7 referees, 4 in una prima fase e 3 nella seconda. Nella seconda fase di valutazione, uno dei tre referees si è espresso in questi termini: «Il manoscritto è una recensione molto interessante, profondamente ricercata, che è unica per quanto riguarda l'attenzione rivolta alle particolari questioni meccanicistiche affrontate, l'ampiezza e la profondità della sua discussione e la valutazione critica dello stato attuale delle conoscenze». E alla fine dell’iter, nel comunicare la pubblicazione, l’editore ha così commentato: «Si tratta di un manoscritto eccezionale, e siamo lieti di avere l’opportunità di pubblicarlo».
 
Alessandro Del Zotto afferisce alla sezione di Chimica del DI4A, nello specifico al gruppo di Chimica Inorganica e Metallorganica del quale fanno parte anche Walter Baratta e Daniele Zuccaccia. Con Del Zotto hanno collaborato alle ricerche sulle reazioni di “coupling” carbonio-carbonio catalizzate da sistemi eterogeni di palladio Alessandro Trovarelli e Sara Colussi, del Dipartimento Politecnico di ingegneria e architettura dell’ateneo friulano, Jordi Llorca della Universitat Politècnica de Catalunya di Barcellona e i post-doc Francesco Amoroso e Ulma Cersosimo. Tale collaborazione ha portato alla pubblicazione di 5 articoli su riviste internazionali peer-reviewed.

Sullo stesso tema

Martedì 21 Settembre

Chimica per l’ingegneria: Matteo Busato premiato per la migliore tesi di dottorato

Per uno studio sull’uso di liquidi ionici come alternativa più sicura ed ecologica ai tradizionali solventi organici

Venerdì 27 Agosto

Chimica: riconoscimento nazionale a giovane studiosa dell'Ateneo friulano

Maila Danielis ha vinto, ex aequo, il Premio Mauro Graziani con una ricerca, in collaborazione con la Ford, sui catalizzatori ecologici per veicoli a gas naturale

Mercoledì 22 Luglio

A Matteo Busato il premio dell’Associazione italiana di chimica per ingegneria per la miglior tesi di dottorato

Riconoscimento per il suo lavoro finale, relatore Andrea Melchior, del corso in Scienze dell’ingegneria energetica e ambientale