Appuntamento giovedì 24 maggio alle 16 nel polo scientifico

PhD Expo 2018: in mostra le ricerche più innovative dei dottorandi dell'ateneo

97 i poster esposti, di attività di ricerca svolta nelle 4 aree economica-giuridica, medica, tecnico-scientifica, umanistica e linguistica

Si è aperta giovedì 24 maggio la quarta edizione della fiera della ricerca “PhD Expo 2018”, vetrina delle attività di ricerca più innovative condotte dai dottorandi dell’Ateneo friulano iscritti al terzo anno dei corsi di Dottorato di ricerca. Allestita nel corridoio seminterrato del polo scientifico dei Rizzi, in via delle Scienze 206, a Udine, PhD Expo 2018 presenta attraverso poster 97 lavori, svolti nelle quattro principali aree di ricerca dell’ateneo, economica-giuridica (16 poster), medica (15 poster), tecnico-scientifica (54 poster), umanistica e linguistica (12 poster). L’esposizione sarà visitabile, sempre con ingresso libero, fino al 4 giugno, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19.

L’iniziativa, organizzata con il supporto della Fondazione Friuli, è un momento di incontro e confronto fra il mondo della ricerca universitaria e quello imprenditoriale e culturale del territorio, organizzato con gli obiettivi di comunicare i risultati di ricerche e progetti, condividere le idee e le proposte, confrontare le esperienze e le competenze e contaminare i diversi saperi. Si tratta di un’opportunità per le imprese di entrare in contatto con i filoni di ricerca più innovativi dell’ateneo friulano.

Giovedì 24 in occasione dell'inaugurazione Gilberto Luigi Petraz, presidente dello studio professionale di proprietà intellettuale Glp, ha tenuto un intervento dal titolo “Il valore dell’eccellenza”.
 

Sullo stesso tema

Martedì 31 Gennaio

Dottorati, cerimonia di benvenuto ai nuovi iscritti e premiazioni delle migliori tesi

Venerdì 3 febbraio, alle 15, nella Biblioteca del polo universitario di via delle Scienze

Venerdì 8 Luglio

Acta Student Awards, premiato giovane studioso Uniud

Riconoscimento internazionale a Ehsan Rahimi per studi sulle proprietà dei biomateriali metallici giudicati di «eccezionale valore»