Giovedì 21 maggio, 28 maggio e 4 giugno

Prove di ripartenza per gli interventi educativi con i soggetti più fragili

Tre webinar per educatori e docenti impegnati con minori e famiglie vulnerabili

Quali sfide si trovano a fronteggiare, in un contesto inedito e complesso come quello di queste settimane, le famiglie e i bambini che vivono situazioni di particolare vulnerabilità educativa? E come possono rispondere gli educatori e gli insegnanti che con queste famiglie e questi bambini lavorano quotidianamente? Sono queste le domande al centro di un ciclo di tre webinar, intitolato “Azioni educative e diversità. Prove di ripartenza fra scuola e territori?” (programma pdf), organizzato dall'Università degli Studi di Udine. Per partecipare si può inviare una mail ai professori Fabiana Fusco o Davide Zoletto, agli indirizzi fabiana.fusco@uniud.it o davide.zoletto@uniud.it.

Il ciclo si apre oggi, giovedì 21 maggio, alle 17 con un incontro dedicato a “I bambini e le famiglie più vulnerabili”, durante il quale interverranno Paola Milani e Marco Ius, dell’Università di Padova, Paola Floreancig dell’USR-FVG, Valentina Dotto del Comune di Udine - SSC Friuli Centrale (Responsabile U.O. Minori e Famiglia – Disabilità) e Paolo De Nardo, Dirigente Scolastico – Istituto Comprensivo Udine III. Dopo l’incontro odierno il ciclo proseguirà poi con altri due incontri previsti per giovedì 28 maggio e giovedì 4 giugno, dedicati rispettivamente a “Minori e famiglie con retroterra migratorio” e a “Contesti, lingue, relazioni: possibili strumenti”. I webinar saranno tenuti da relatori di diversa provenienza per dare spazio a una visione plurima dei temi affrontati.

«Il ciclo di incontri – spiegano Davide Zoletto e Francesca Zanon coordinatori del Corso intensivo per la qualifica di Educatore professionale socio-pedagogico nel cui ambito sono organizzati i webinar - nasce in risposta alle sfide che i nostri corsisti si trovano ad affrontare quotidianamente nel difficile lavoro educatori che svolgono a contatto con genitori e bambini che vivono situazioni di particolare fragilità educativa. L’obiettivo di questi incontri è raccontare il lavoro di questi professionisti e le buone pratiche avviate nel fondamentale rapporto fra scuole e servizi territoriali, nonché dare visibilità alle risorse spesso inedite che emergono proprio in situazioni di particolare complessità».

I webinar sono organizzati in collaborazione con il progetto Fami ImpactFvg 2014-2020, coordinato da Fabiana Fusco, delegata dell’università di Udine per l’Innovazione didattica e formazione all'insegnamento, per conto della Regione, e con l’Ufficio Scolastico Regionale, e toccheranno anche le tematiche emergenti per le famiglie e i minori plurilingui che hanno un retroterra migratorio, con particolare riferimento al ruolo che sono chiamati a svolgere gli insegnanti nel delicato rapporto con le famiglie e con gli educatori.

«Coerentemente con gli obiettivi previsti nel Progetto Fami Impact che includono azioni di contrasto alla dispersione scolastica in contesti con presenza di alunni/e con background migratorio – precisa Fabiana Fusco - il ciclo di webinar, che speriamo possa proseguire con altre iniziative, ha l’obiettivo di fornire strumenti di lavoro e spunti di riflessione per rispondere alle difficoltà che la scuola sta attualmente attraversando e per consolidare una formazione e un dialogo, seppur a distanza, con gli insegnanti».

Sullo stesso tema

Giovedì 21 Ottobre

Educazione sul tema dell’Olocausto: seminario per insegnanti posticipato a maggio 2022

A Lubiana, nell’ambito del progetto europeo "Meeting Memories: Learning from the Past to Confront Dehumanization Today"

Giovedì 8 Ottobre

Educatore professionale socio-pedagogico: al via il corso per conseguire la qualifica

Ammissione in ordine cronologico di domanda, entro venerdì 16 ottobre

Venerdì 12 Giugno

Professione insegnante: quali strategie e percorsi formativi? Convegno nazionale

Interverranno i ministri Manfredi e Azzolina, i rettori e pro-rettori, rappresentanti di università, comunità accademiche e istituzioni del settore della formazione