27 gennaio, Giorno della Memoria

La riflessione del rettore Roberto Pinton

Il 27 gennaio 1945 le avanguardie del 62° corpo delle armate sovietiche del fronte ucraino entravano ad Auschwitz, a nord-est di Cracovia, in Polonia, salvando un centinaio di superstiti e incaricandosi di seppellire innumerevoli poveri resti. Il campo di sterminio simbolo della follia e della barbarie nazista, attivato nel maggio del 1940, fu così liberato e la giornata del 27 gennaio è stata riconosciuta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite come la Giornata della Memoria

La celebrazione, e soprattutto il ricordo, di questa aberrante pagina della storia dell’umanità è oggi più che mai indispensabile anche alla luce di un crescente negazionismo che investe, purtroppo, anche il nostro paese e può condizionare il comportamento, in particolare, delle persone più giovani. 

Ecco perché ritornano perentorie le parole di Primo Levi, sopravvissuto alla deportazione nel campo di concentramento e autore del romanzo “Se questo è un uomo” che, nel descrivere l’orrore di quell’esperienza, ci rammenta il dovere di non dimenticare: «Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre». 

Il Giorno della Memoria è importante per non far cadere nel silenzio il ricordo del genocidio nazista e per mantenere viva la riflessione sulle condizioni che hanno permesso la realizzazione di un tale abominio. Forte deve essere la consapevolezza che un tale dramma non abbia a ripetersi e che la straziante testimonianza di chi l’ha vissuto continui a essere un monito ogniqualvolta vi sia il rischio che un genocidio possa avere luogo in qualche parte del mondo o, peggio, se perpetrato rimanga ignorato. 

Il Rettore, Roberto Pinton

Sullo stesso tema

Lunedì 13 Giugno

Ultimi giorni della mostra “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

Venerdì 17 giugno, alle 16, evento conclusivo a Palazzo di Toppo Wassermann a Udine

Martedì 31 Maggio

“Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

A Palazzo di Toppo Wasserman, a Udine, la mostra sulla storia e la memoria dei campi di concentramento fascisti

Lunedì 23 Maggio

Persecuzioni e discriminazioni degli anni ’30 e ‘40: tra storia e memoria; testimonianze e mostra all’Ateneo

Il 26 maggio, alle 9, a Palazzo Antonini, conferenza con due sopravvissuti ai campi di Arbe e Gonars; alle 12, la mostra a Palazzo di Toppo Wasserman