Vernice il 24 ottobre, alle 18, a palazzo Caiselli a Udine

Gaetano Bodanza espone all'Università

Mostra promossa dal Dipartimento di storia e tutela dei beni culturali e dalla Fondazione Ado Furlan

Sarà inaugurata venerdì 24 ottobre, alle 18, nel salone del Tiepolo di palazzo Caiselli a Udine (vicolo Florio 2) la mostra delle opere di Gaetano Bodanza, artista udinese già attivo a Venezia, Parigi e New York. L’esposizione, intitolata “Clonatio ex nihilo”, è organizzata dal Dipartimento di storia e tutela dei beni culturali dell’Università di Udine e dalla Fondazione Ado Furlan. Alla vernice, oltre a Bodanza, interverranno il curatore dell’iniziativa, Alessandro Del Puppo, docente di Storia dell’arte contemporanea all’ateneo friulano. Allestita negli spazi del palazzo e al suo esterno, la mostra sarà visitabile fino al 22 novembre, da lunedì a venerdì dalle 8 alle 18.30, e martedì e giovedì dalle 8 alle 19.30.

Gaetano Bodanza è nato a Udine nel 1950. Ha studiato a Venezia presso il Liceo Artistico e la facoltà di architettura. Dal 1979 presenta le sue performance presso importanti sedi espositive: Palazzo Grassi a Venezia, Palazzo dei Diamanti a Ferrara, alla New York University, alla mostra del Cinema di Venezia e al Festival di Spoleto. Ha inoltre esposto a Parigi, Stoccolma, Colonia. Il suo lavoro spazia dal disegno alla pittura alla scultura, oltre al video e alle tecniche digitali. Vive e lavora tra Udine e Parigi. Per maggiori informazioni www.gaetanobodanza.com.

Sullo stesso tema

Lunedì 13 Giugno

Ultimi giorni della mostra “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

Venerdì 17 giugno, alle 16, evento conclusivo a Palazzo di Toppo Wassermann a Udine

Martedì 31 Maggio

Si apre la mostra “Che genere di voto. Immagini e parole dalla stampa friulana sul primo voto alle donne 1946-1948”

La mostra, con il patrocinio dell’Università di Udine e del Comitato unico di garanzia dell’Ateneo, sarà inaugurata il 1 giugno a Palazzo Antonini

Martedì 31 Maggio

“Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

A Palazzo di Toppo Wasserman, a Udine, la mostra sulla storia e la memoria dei campi di concentramento fascisti