Presentazione del libro di Romano Pietrosanti

Imre Nagy, un ungherese comunista

La prima biografia italiana del protagonista e vittima della rivoluzione ungherese del ‘56

“Imre Nagy. Un ungherese comunista” è il titolo del libro di Romano Pietrosanti che sarà presentato all’Università di Udine mercoledì 25 febbraio, alle 17.30, nell’auditorium di palazzo Garzolini-di Toppo Wassermann a Udine (via Gemona 92). Il volume, edito da Le Monnier, prima biografia italiana del primo ministro della rivoluzione ungherese del 1956 contro l’oppressione sovietica, ripercorre la vicenda umana e politica di quello che fu protagonista e vittima di quei tragici fatti.

Interverranno all’incontro l’autore del volume, Romano Pietrosanti, sacerdote, filosofo e storico; e i docenti dell’Ateneo friulano, Roberto Ruspanti, docente di cultura e letteratura ungherese e direttore del Centro interuniversitario di studi ungheresi e sull’Europa centro-orientale, e Gianluca Volpi, che insegna Storia dell’Europa centro-orientale.

«Nella sua opera Pietrosanti – spiegano Ruspanti e Volpi – ha goduto dell'appoggio morale e intellettuale del maggiore esperto italiano sui fatti d’Ungheria del 1956, il professor Federigo Argentieri, da almeno cinque lustri impegnato in ricerche sull'argomento consultando e valorizzando soprattutto le fonti ungheresi». Amico di Francois Fejto, storico ungherese naturalizzato francese e pioniere nello studio delle democrazie popolari, Argentieri ha curato la prefazione del volume.

L’appuntamento è organizzato dai dipartimenti di studi umanistici e di scienze umane dell’ateneo friulano con il patrocinio del Centro interuniversitario di studi ungheresi e sull’Europa centro-orientale.

Il libro. Questa è la prima biografia pubblicata in Italia di Imre Nagy. La sua vita viene seguita attentamente dalla nascita nel 1896, nell’allora Ungheria dell’Impero degli Asburgo, e dall’adesione al comunismo nel 1917, fede che non abbandonerà più insieme alla forte coscienza nazionale ungherese. Nagy visse l’attivismo del partito, l’esilio a Mosca, il ritorno in patria nel secondo dopoguerra e gli incarichi governativi, fino a diventare capo del governo nel 1953. Il suo nuovo corso riformista fu contrastato e interrotto nella primavera 1955. Nagy si ritrovò così all’opposizione. L’esplosione rivoluzionaria del 23 ottobre 1956 lo riportò al governo. Esperienza che si concluse tragicamente con l’invasione sovietica del 4 novembre 1956, la sua incarcerazione e l’esecuzione il 16 giugno 1958. La riabilitazione il 16 giugno 1989 ha segnato la nascita della nuova Ungheria. Il libro dà conto anche degli importanti rapporti tra Nagy e il Partito comunista italiano, allora guidato da Palmiro Togliatti.

 
 

Sullo stesso tema

Martedì 12 Novembre

Stefano Bottoni presenta il libro “Orbán. Un despota in Europa”

Occasione di riflessione sui rapporti fra UE e Stati dell’Europa centrale e sul concetto di “democrazia illiberale” coniata dal premier ungherese

Venerdì 9 Marzo

Contatti fra scuole pittoriche e correnti letterarie europee negli ultimi due secoli

Uno sguardo sull’arte e la letteratura dell’Ungheria

Lunedì 11 Maggio

Ungheria in Europa: fatti economici e sociali

Ultimo appuntamento del ciclo "Prospetti d’Ungheria"