Pre-iscrizioni obbligatorie entro il 10 maggio

In giugno l’8° edizione della Scuola Estiva Nazionale sulla fisica moderna

30 posti per gli studenti delle classi IV delle scuole secondarie superiori

Dal 26 giugno al 1 luglio, nel polo scientifico dell’Università di Udine ai Rizzi, si terrà l’ottava edizione della Scuola estiva nazionale sulla fisica moderna, destinata agli studenti iscritti nell’a.s. 2016/2017 al quarto anno delle scuole secondarie superiori italiane e organizzata nell’ambito del Progetto IDIFO6 (Innovazione didattica in fisica e orientamento) del Piano lauree scientifiche nazionale, realizzato dall’Unità di ricerca in didattica della fisica dell’Ateneo. L’obiettivo è offrire agli studenti di tutta Italia percorsi di apprendimento su argomenti di fisica moderna, quali meccanica quantistica, spettroscopia, fisica della materia e superconduttività, con attività di laboratorio di fisica avanzata e percorsi di esplorazioni sperimentali. Al termine del percorso sarà rilasciata un’attestazione sull’esperienza formativa compiuta.
 
Gli interessati sono invitati ad effettuare la preiscrizione entro il 10 maggio compilando il modulo scaricabile dal sito della Scuola. Il numero di studenti ammessi è 30. La selezione dei partecipanti sarà effettuata da un’apposita commissione sulla base di criteri di priorità esplicitate nel manifesto della Scuola e che vanno dal profitto scolastico nelle materie scientifiche alla tipologia di scuola frequentata. La domanda di iscrizione vera e propria dovrà invece pervenire al Centro interdipartimentale per la ricerca didattica (CIRD) entro le ore 12 del 25 maggio. Maggiori informazioni e modulistica si possono trovare nella pagina dedicata alle attività della Scuola. 
 
La partecipazione alla Scuola prevede una serie di attività in presenza: lezioni, seminari, percorsi esplorativi e attività nelle aule e nei laboratori dell’Ateneo. «La Scuola estiva di fisica moderna – spiega la direttrice Marisa Michelini - offre ai giovani un ambiente stimolante di approfondimento scientifico, basato sul personale coinvolgimento in sfide intellettuali ed operative da vivere in cooperazione tra giovani e docenti universitari. Un ambiente in cui l’atmosfera, i metodi e gli strumenti della ricerca scientifica sono direttamente esplorati da ciascun partecipante».
 
Tra le attività in programma: conferenze e seminari tenuti dai docenti delle Università e degli enti di ricerca collaboranti al Progetto IDIFO6 e da esperti nel campo della didattica della fisica moderna; laboratori di didattica e sperimentali; attività di simulazione, modellizzazione e problem solving; attività di simulazione numerica presso l’Università di Trieste; visite a centri di ricerca regionali come il Sincrotrone ed una cena con i ricercatori dell’ICTP. Le attività della Scuola sono a titolo gratuito, è richiesto un contributo alle spese di vitto e alloggio, mentre le spese di viaggio sono a carico dei partecipanti. 

Sullo stesso tema

Venerdì 6 Maggio

Professione insegnagnte: quali strategie per la formazione?

Presentazione della pubblicazione mercoledì 11 maggio alle 11

Mercoledì 23 Febbraio

Studentesse e studenti del Friuli Venezia Giulia impegnati ad analizzare i dati del CERN

Venerdì 25 febbraio, dalle 9.30, Masterclass all’Università di Udine