Il tema segue la volontà del Papa ed è molto sentito nell'isontino

A Gorizia la mostra “I volti della Misericordia"

Inaugurazione sabato 3 settembre, alle 11, Galleria d’arte “Mario di Iorio”

Sabato 3 settembre, alle 11, alla Galleria d’arte “Mario di Iorio della Biblioteca statale Isontina a Gorizia, sarà inaugurata la mostra d’arte sacra “I volti della Misericordia. Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati”.

Il tema principale dell’esposizione è stato scelto seguendo il desiderio di Papa Francesco, che ha nominato il 2016 come l’anno della Misericordia. Inoltre la volontà è stata quella di valorizzare e promuovere l’eredità culturale e l’educazione cristiana dell’accoglienza, proprio in una città come Gorizia dove la questione dell’immigrazione e dell’integrazione è molto sentita.

La mostra è composta da 27 opere e contiene come pezzo pregiato una riproduzione del famoso mosaico della Basilica di Aquileia. La Biblioteca del Seminario teologico centrale ha messo a disposizione diverse testimonianze scritte che trattano sempre il tema della Misericordia. Il percorso espositivo e il catalogo sono curati da Antonio Sangalli, Bruno Biotti ed Elena Fabrizi.

L’iniziativa è organizzata dalla Biblioteca statale Isontina in collaborazione con il Centro Studium del capoluogo isontino e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

La mostra sarà aperta fino al 27 settembre dal lunedì al venerdì con orario continuato 10.30-18.30, mentre nelle giornate di sabato la chiusura verrà anticipata alle 13.15.

Sullo stesso tema

Lunedì 13 Giugno

Ultimi giorni della mostra “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

Venerdì 17 giugno, alle 16, evento conclusivo a Palazzo di Toppo Wassermann a Udine

Martedì 31 Maggio

Si apre la mostra “Che genere di voto. Immagini e parole dalla stampa friulana sul primo voto alle donne 1946-1948”

La mostra, con il patrocinio dell’Università di Udine e del Comitato unico di garanzia dell’Ateneo, sarà inaugurata il 1 giugno a Palazzo Antonini

Martedì 31 Maggio

“Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

A Palazzo di Toppo Wasserman, a Udine, la mostra sulla storia e la memoria dei campi di concentramento fascisti