Il grano. Storia di una pianta rivoluzionaria

A Udine fino all’11 ottobre, a Palazzo Giacomelli

 Una mostra sui cereali in Friuli Venezia Giulia tra evoluzione, agricoltura e ambiente. Nell’anno di Expo Milano 2015 il Museo Friulano di Storia Naturale in collaborazione con il Museo Etnografico del Friuli propone al pubblico un’esposizione intitolata “Il grano. Storia di una pianta rivoluzionaria”.

Allestita a Palazzo Giacomelli, sede del Museo Etnografico del Friuli, e visitabile fino all’11 ottobre, la mostra analizza la storia dei cereali e, in particolare, il frumento dal punto di vista botanico, di impatto sull’ambiente naturale, ma anche culturale.
 
Il cereale protagonista dell’esposizione ha influito profondamente sulla storia dell’uomo e del paesaggio. Fino a qualche tempo fa coltura più diffusa nel Friuli Venezia Giulia, in epoca più recente è stato soppiantato, in primo luogo, dalla coltivazione del mais che oggi contraddistingue il paesaggio agrario. Le coltivazioni odierne sono legate più ad interessi economici che alle esigenze alimentari delle persone, con pesanti conseguenze anche su ambiente naturale e biodiversità, oltre che su abitudini alimentari e stili di vita.

Orario di apertura al pubblico:
Da martedì a domenica, dalle ore 10.30 alle ore 19.00.
Per ulteriori informazioni:
Museo Friulano di Storia Naturale
Tel. 0432 584711
Email info.mfsn@comune.udine.it

Sullo stesso tema

Lunedì 13 Giugno

Ultimi giorni della mostra “Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

Venerdì 17 giugno, alle 16, evento conclusivo a Palazzo di Toppo Wassermann a Udine

Martedì 31 Maggio

Si apre la mostra “Che genere di voto. Immagini e parole dalla stampa friulana sul primo voto alle donne 1946-1948”

La mostra, con il patrocinio dell’Università di Udine e del Comitato unico di garanzia dell’Ateneo, sarà inaugurata il 1 giugno a Palazzo Antonini

Martedì 31 Maggio

“Qui si parla italiano, qui si saluta romanamente...”

A Palazzo di Toppo Wasserman, a Udine, la mostra sulla storia e la memoria dei campi di concentramento fascisti