Appuntamento con Monica Mosolo, attrice e docente di tecniche teatrali

Da due cartonoon doppiati in friulano a un viaggio in Bosnia Erzegovina: quando le lingue diventano ponti

Giovedì 5 maggio, alle 16, online e in presenza, nel polo di via Margreth a Udine

Che cos’hanno in comune due cartoni animati doppiati in friulano, un progetto di viaggio in Bosnia Erzegovina e un’emiliana verace dimenticata in un’area di servizio? Lo svelerà Monica Mosolo, attrice, docente di tecniche teatrali, nell’ incontro Per caso e per passione. Quando le lingue diventano ponti che si terrà all’Università di Udine giovedì 5 maggio, alle 16, nel polo di via Margreth, 3 a Udine. Mosolo, appassionata di confini, racconterà il legame tra progetti artistici e lingue minoritarie, tra teatro e storia contemporanea e tra lingue studiate per passione e inaspettati sviluppi professionali.

L’appuntamento, introdotto e coordinato da Natka Badurina, docente di slavistica all’Ateneo friulano, sarà trasmesso anche in diretta streaming https://urly.it/3mq-y. L’evento è organizzato dal Dipartimento di lingue e letterature, comunicazione, formazione e società (Dill), nell’ambito degli "Incontri con l'esperto", curati dalla professoressa Renata Londero, coordinatrice dei corsi di Lingue e Mediazione.

Monica Mosolo, docente di tecniche teatrali, si è diplomata attrice alla Civica Accademia d’Arte Drammatica “Nico Pepe” di Udine e ha conseguito la laurea magistrale in Lettere all’Università di Udine.

Sullo stesso tema

Martedì 24 Maggio

Lingue minoritarie e ricerca linguistica in Friuli Venezia Giulia e nel Nordest

Convegno giovedì 26 e venerdì 27 maggio a Palazzo Antonini a Udine

Mercoledì 4 Maggio

“Tiere e libertât”, il Cirf ricorda Giovanni Minut

Giovedì 5 maggio, alle 17.30, a Palazzo Florio a Udine, Federico Snaidero e Ferruccio Tassin parleranno del sindacalista, poeta e emigrante di Visco

Mercoledì 20 Aprile

Certificazione del friulano: presentati i nuovi strumenti didattici

I materiali sono stati predisposti dall’Università friulana grazie alla collaborazione con la Regione e l’ARLeF