Venerdì 9 febbraio a palazzo Antonini

Le discipline glottologico-linguistiche tra ricerca e didattica, oggi. Quali prospettive per gli humaniora?

All’Ateneo di Udine le società scientifiche di scienze del linguaggio dialogano con i vertici delle maggiori istituzioni di ambito universitario

Il prossimo 9 febbraio si svolgerà a Udine il convegno sul tema Le discipline glottologico-linguistiche tra ricerca e didattica, oggi. Quali prospettive per gli humaniora? che si propone come momento di riflessione su alcuni temi che interessano l’ambito glottologico-linguistico e, più in generale, l’area delle discipline umanistiche. Il convegno (pdf programma) si svolgerà venerdì 9 febbraio dalle 9.15 alle 16.30, nella sala convegni “R. Gusmani” di palazzo Antonini, in via Petracco 8 a Udine.

Attraverso un dialogo con gli organi istituzionali, quali il Ministero dell’istruzione, dell'università e della ricerca (MIUR), la Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI), il Consiglio Universitario Nazionale (CUN), il Consiglio nazionale dei garanti della ricerca (CNGR) e l’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR), la SIG, Società Italiana di Glottologia (presidente Raffaella Bombi) e le altre società SLI (Società di Linguistica Italiana), DILLE (Società di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa), AItLA (Associazione Italiana di Linguistica applicata), AISV (Associazione Italiana di Scienze della Voce) e ASLI (Associazione per la Storia della Lingua Italiana) apriranno il dibattito su temi cruciali come la valutazione delle riviste, dei progetti di ricerca (anche internazionali), della didattica, il dottorato di ricerca e la formazione degli insegnanti. Sullo sfondo del convegno c’è inoltre l’attenzione al complesso tema della riorganizzazione dei saperi che deve essere oggetto di vigile attenzione da parte della comunità scientifica.

Il convegno intersocietario, affidato all’organizzazione di Raffaella Bombi e del Direttivo della SIG (Segretario Giancarlo Schirru, con Antonietta Marra, Luca Lorenzetti e Alessandro Parenti), si pone in linea con i due precedenti convegni su temi istituzionali promossi sempre dalla SIG all’Università per Stranieri di Perugia nel 2012 e all’Ateneo di Pisa nel 2014 e offrirà l’occasione per una ricognizione dei cambiamenti che hanno coinvolto i campi disciplinari della linguistica sia in materia di didattica che di ricerca.

Il Convegno prevede una serie di interventi istituzionali e due tavole rotonde con dibattito aperto al pubblico sui temi La didattica universitaria delle discipline glottologico-linguistiche e la formazione all’insegnamento (Tavola rotonda n. 1) e Tecnologie e metodologie per l’insegnamento nella didattica di base. Le discipline glottologico-linguistiche, al quale intervengono tra gli altri i Presidenti delle società organizzatrici e il Presidente della Società italiana di e-learning.

«Il convegno – spiega la presidente della Società Italiana di Glottologia, Raffaella Bombi, linguista dell’ateneo di Udine - offrirà l’occasione per una ricognizione dei cambiamenti che hanno coinvolto e coinvolgeranno i nostri campi disciplinari sia in materia di didattica che di ricerca, intorno ai quali apriremo il dibattito. Pertanto fare sistema tra le società e tenere aperto un tavolo negoziale tra le società e le istituzioni diventano elementi strategici in questo momento».

Sullo stesso tema

Venerdì 17 Giugno

Ricordando Roberto Gusmani, rettore dell’Ateneo friulano e caposcuola della linguistica udinese

Lunedì 20 giugno, alle 15, a Palazzo Antonini a Udine

Venerdì 10 Giugno

Undici argentini di origini friulane al corso “valori identitari e imprenditorialità”

Lunedì 13, alle 10, a Palazzo Florio, inaugurazione del percorso formativo su identità, lingua e cultura italiana e friulana, conoscenza culturale ed economica del territorio