Venti i posti disponibili per l’anno accademico 2022/23

Scuola di specializzazione in beni storico-artistici: domande di ammissione entro il 13 ottobre

Percorso di formazione per acquisire un profilo professionale nel settore della tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico

C’è tempo fino a giovedì 13 ottobre per presentare le domande di ammissione alla Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici dell’Università di Udine. Venti i posti disponibili che il percorso formativo – della durata di due anni e del valore di 120 crediti formativi universitari – offre per l’anno accademico 2022/23. Le domande vanno presentate online, tramite la piattaforma web "Esse3"). L’esame di ammissione si terrà giovedì 27 ottobre in modalità online, attraverso la piattaforma Microsoft Teams. Gli idonei potranno immatricolarsi entro lunedì 7 novembre. Maggiori informazioni nel Manifesto degli studi, disponibile online.

«La Scuola – spiega Claudia Bolgia, ordinaria di Storia dell’arte medievale e direttrice della Scuola per il triennio accademico 2020/23 – propone una nuova offerta formativa, che include una settimana di Full experience di un museo, di un istituto di restauro e di un 'Sistema musei', con base presso il Museo di Palazzo Madama di Torino (viaggio e alloggio a spese della Scuola), e che mira a fornire una specializzazione di eccellenza per futuri operatori nel settore dei Beni culturali. Il percorso formativo prevede l’approfondimento delle discipline storico-artistiche relative alla conoscenza del patrimonio storico-artistico dal Tardo-Antico al Contemporaneo. È adatto a coloro che desiderano acquisire uno specifico profilo professionale nell’ambito della tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico, e siano interessati a sbocchi professionali in ruoli di responsabilità in strutture pubbliche e/o private che abbiano funzioni organizzative, culturali, editoriali e di ricerca nel settore del patrimonio dei beni culturali».

La didattica sarà erogata in settimane intensive (una al mese) da gennaio a maggio. Fino a marzo sarà in modalità mista: lo specializzando potrà scegliere se seguirla in presenza, a Udine, o a distanza tramite la piattaforma Microsoft Teams. La settimana di aprile sarà in presenza a Udine con sopralluoghi di studio in Friuli Venezia Giulia e regioni limitrofe (gli studenti lavoratori potranno seguire online quanto possibile e integrare con testi alternativi l’eventuale assenza ai sopralluoghi). Nella settimana di maggio prevista infine la Full experience di un museo e del ‘Sistema musei’ a Torino (viaggio e alloggio a spese della Scuola).

Al concorso di ammissione possono partecipare: i laureati dei corsi di laurea specialistica in Storia dell’arte (classe 95/S) e della magistrale in Storia dell’arte (classe LM89); i laureati in possesso di titoli del precedente ordinamento didattico equiparati ai suddetti del nuovo ordinamento; i candidati in possesso di titolo di studio straniero, che sia stato riconosciuto idoneo.
Il concorso è per titoli e un esame orale, in due prove che accertano rispettivamente le conoscenze nel campo delle discipline storico artistiche e la conoscenza di una lingua straniera moderna, tra francese, inglese, tedesco o spagnolo.

Palazzo Caiselli (sede DIUM), Salone del Tiepolo, "La Virtù e la Nobiltà trionfano sull'Ignoranza" di Giambattista Tiepolo (riproduzione)

Sullo stesso tema

Lunedì 9 Gennaio

La Scuola di specializzazione in Beni storico-artistici inaugura l’anno accademico 2022/23

Cerimonia lunedì 16 gennaio, alle 11, nel Salone del Tiepolo di Palazzo Caiselli

Giovedì 22 Dicembre

Concorso enologico tra atenei: premiati a Maribor tre vini dell'Azienda agraria Servadei

Oro dei Patriarchi primo nella classifica generale. Medaglia d’argento allo stesso e a Pinot grigio e Rosso dei Patriarchi

Giovedì 23 Dicembre

Concorso per racconti umoristici nel segno di Jacum dai Zeis

L’iniziativa è coordinata dal settimanale Il Friuli, Società Filologica Friulana e Università di Udine e gode del patrocinio di numerose istituzioni e del sostegno di BancaTer