Giovedì 24 ottobre in Camera di Commercio di Udine e Pordenone

Riconoscimento dello "status filiationis" acquisito all’estero: prospettive europee e resistenze nazionali

Tutele e strumenti giuridici internazionali e dell’UE in situazioni quali maternità surrogata, adozione del genitore single, stepchild adoption

Le problematiche connesse al riconoscimento del rapporto di filiazione costituito legalmente all’estero saranno al centro del convegno organizzato dal Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Udine, in programma giovedì 24 ottobre dalle 10 nella Sala Valduga della Camera di Commercio di Udine e Pordenone, in Via Morpurgo 4 a Udine.

L’iniziativa è curata da Elisabetta Bergamini e Francesco Deana, rispettivamente professoressa associata di Diritto internazionale e professore a contratto di Diritto dell’Unione europea nell’Ateneo udinese, e rappresenta il momento conclusivo di un Progetto di ricerca finanziato dal Dipartimento di Scienze giuridiche e coordinato negli ultimi diciotto mesi da Elisabetta Bergamini sul tema della tutela transfrontaliera dello status di figlio.

«Il convegno – anticipano i docenti organizzatori – vuole sottoporre all’attenzione del pubblico come le diverse normative ancora esistenti nei singoli Stati in materia ad esempio di adozione o di procreazione medicalmente assistita, facciano sì che uno stesso rapporto di filiazione possa essere riconosciuto come valido in alcuni Stati ma non in altri. L’obiettivo è di illustrare gli strumenti che il diritto internazionale e dell’Unione europea prevedono a tutela dei minori in tali situazioni».

I lavori, aperti a tutta la cittadinanza, saranno strutturati in due sessioni. Quella del mattino si concentrerà sui profili generali della tutela giuridica del minore e dello status di figlio nei contesti transnazionali, alla luce in particolare del principio fondamentale del superiore interesse del minore. La sessione pomeridiana sarà suddivisa in due tavole rotonde volte, rispettivamente, a indagare gli aspetti più discussi delle nuove frontiere della filiazione (maternità surrogata, adozione del genitore single, stepchild adoption, ecc.) e l’incontro-scontro tra la tutela dell’identità individuale e la tutela dell’identità nazionale degli Stati.

Nell’ambito dell’evento verrà presentato il libro curato da Elisabetta Bergamini insieme a Chiara Ragni dell’Università di Milano, dal titolo Fundamental Rights and Best Interests of the Child in Transnational Families.

Sullo stesso tema

Venerdì 10 Giugno

Undici argentini di origini friulane al corso “valori identitari e imprenditorialità”

Lunedì 13, alle 10, a Palazzo Florio, inaugurazione del percorso formativo su identità, lingua e cultura italiana e friulana, conoscenza culturale ed economica del territorio

Giovedì 9 Giugno

Vent’anni di Scienze dell’architettura a Udine: summer school dedicata a Palladio

Il 13 e 14 giugno focus con studiosi internazionali sulle nuove frontiere dell’architettura tra digitalizzazione, realtà virtuale e aumentata. Quest’anno il corso ha aumentato gli immatricolati del 36%